• Articolo Roma, 25 gennaio 2013
  • Una collaborazione firmata stamattina

    Conto Termico: Enea e GSE garantiscono chiarezza

  • Grazie alla collaborazione tra i due enti sarà garantita a Pubblico e Privato l’assistenza e la chiarezza necessaria per accedere al regime di incentivazione

(Rinnovabili.it) – Per il nuovo Conto Termico sono stati messi a disposizione 900 milioni di euro, che serviranno per stimolare la crescita della produzione di calore da fonti rinnovabili e per piccoli interventi volti al miglioramento dell’efficienza energetica. Degli incentivi 200 mln annui sono riservati al sostegno della Pubblica Amministrazione, mentre 700 mln sono da assegnare ai privati (persone fisiche, i condomini e i soggetti titolari di reddito di impresa) che ne faranno richiesta e andranno a coprire in media il 40% dell’investimento.

A rendere più chiara e semplice la gestione delle procedure di richiesta e di assegnazione la firma della convenzione che lega il GSE all’Enea, che si impegnano a garantire la corretta gestione delle pratiche.

La sigla, apposta stamane da Nando Pasquali, Presidente e AD del Gestore dei Servizi Energetici, e da Giovanni Lelli, Commissario ENEA, va quindi a rafforzare il ruolo del nuovo meccanismo di incentivazione a sostegno dell’efficienza energetica e della produzione di energia termica da FER. Il GSE operando in collaborazione con ENEA garantirà il supporto tecnico necessario alla gestione degli interventi per l’efficienza e il risparmio energetico.

 

Le nuove misure“, ha dichiarato Nando Pasquali in occasione della firma “sono state introdotte per rafforzare il settore dell’efficientamento energetico, sia del patrimonio edilizio pubblico che di quello privato, necessario per lo sviluppo economico sostenibile del Sistema Paese.”

“Si tratta di un intervento di politica energetica, – ha sottolineato Giovanni Lelli – che potrà avere una significativa ricaduta per l’economia italiana in un processo di riconversione orientato alla «green economy». L’Italia dimostra di comprendere le opportunità connesse all’efficienza energetica, prima priorità della Strategia Energetica Nazionale, puntando a superare gli obiettivi europei”.