• Articolo Rabat, 12 settembre 2012
  • L’annuncio del Vice ministro all’Energia Zniber

    Il Marocco punta ai 2 GW solari

  • L’obiettivo del Governo è portare la quota del rifornimento energetico verde nel mix nazionale oltre il 40% nell’arco dei prossimi otto anni

(Rinnovabili.it) – “Il nostro obiettivo è che, entro il 2020, il 42 per cento del nostro rifornimento energetico venga da fonti rinnovabili, di cui il 14 per cento dal solare”. Così si espresso oggi il vice ministro dell’Energia Mohammed Zniber in un’intervista all’agenzia di stampa AFP, a margine di una conferenza a Marrakesh. Attualmente la Nazione  possiede solo un impianto solare (un termodinamico ibrido), nella parte orientale del Marocco, con una capacità installata di 20 MW, ma il Governo è deciso a pensare in grande e a sfruttare una delle risorse più abbondanti sul territorio.

Secondo quanto riferito da  Zniber, il Paese intende costruire cinque nuovi impianti solari nei prossimi otto anni, con una capacità di produzione combinata di 2 GW e ad un costo stimato di “meno di 9 miliardi di dollari.” “Siamo certi di riuscire a conquistare l’interesse di un gran numero di investitori e di trovare i soldi per questi progetti”, ha aggiunto fiducioso il vice ministro. Per il Marocco si tratta di un passo fondamentale, vivendo in questo momento  un forte aumento della domanda energetica e con un consumo di energia destinato a crescere del 10 per cento entro la fine dell’anno. A differenza dei suoi vicini, la nazione non può contare su riserve di idrocarburi ed è costretto a spendere miliardi di dollari ogni anno per le importazioni di combustibili.