• Articolo Londra, 10 dicembre 2012
  • Un programma pilota per il bene del contribuente

    Uk: il Governo acquista energia verde per 750 mln di sterline

  • Il settore pubblico britannico potrebbe presto utilizzare esclusivamente energia green anche grazie alla collaborazione del GPS

(Rinnovabili.it) – Il Governo britannico potrebbe acquistare fino a 750 milioni di sterline di energia elettrica green diretta, trasformando così il settore pubblico nel maggiore utilizzatore di energia verde nazionale.

In caso di successo del programma pilota, hanno riferito i Ministri, il governo potrebbe riuscire a coprire almeno la metà dei propri consumi con l’energia pulita acquistata tramite il Government Procurement Service (GPS), acquisti con un valore attuale di 750 mln di sterline. Attualmente il GPS riserva infatti il 75% dell’energia al settore pubblico britannico, trasformandolo nel maggiore consumatore.

Il GPS fornirà dunque contratti venticinquennali che si concentreranno inizialmente sulle fonti rinnovabili non intermittenti, come la biomassa e l’energia che deriva dal trattamento dei rifiuti, anche se il regime in realtà nasce con la possibilità di sfruttare una gamma molto più ampia di fonti energetiche green.

 

“L’iniziativa Energy for Growth utilizzerà l’influenza del governo in quanto maggiore cliente energetico per plasmare il mercato per il bene del Paese”, ha detto il Ministro dell’Ufficio di Gabinetto Francis Maude in un comunicato. “Il Regno Unito è in gara a livello mondiale e per questo stiamo lavorando per attrarre investimenti nel nostro settore energetico per creare posti di lavoro, per lo sviluppo di tecnologie pulite e per garantire l’approvvigionamento e diversificarlo per il futuro. “Questo progetto pilota ci porterà a compiere un ulteriore passo avanti verso il nostro obiettivo di copertura del nostro fabbisogno energetico dalle fluttuazioni dei prezzi futuri, proteggendo il contribuente. E siccome stiamo migliorando la concorrenza nel mercato dell’energia ci potrebbe essere una pressione al ribasso sulle bollette di tutti”.