• Articolo Trieste, 4 ottobre 2017
    • Il Friuli trasforma l’economia circolare in legge

    • La Regione fissa gli obiettivi di riciclo da raggiungere entro il 2024 e potenzia gli strumenti telematici per il monitoraggio e la mappatura  dei rifiuti pericolosi

    economia circolare

     

     

    (Rinnovabili.it) – La gestione dei rifiuti in Friuli Venezia Giulia è pronta a chiudere il cerchio. Il Consiglio regionale ha approvato ieri  il disegno di legge n. 224, il nuovo apparato normativo redatto dalla Giunta con cui struttura il proprio approccio all’economia circolare.

    Il provvedimento riordina e aggiorna la disciplina di settore fissando degli obiettivi concreti in tema di prevenzione, riduzione della produzione e pericolosità dei rifiuti, e compiendo un passo avanti verso i disposti nazionali e comunitari. Come spiega l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Sara Vito, a commento dell’approvazione, la riforma “permette di fare un passo avanti verso l’attuazione di un modello sostenibile per il Friuli Venezia Giulia, nel quale i temi ambientali riescono ad andare di pari passo con quelli dello sviluppo”.

     

    Nella pratica, ciò significa innanzitutto potenziare l’invio al riciclo dei rifiuti urbani, definendo precisi target da implementare entro il 2024: portare la raccolta differenziata al 70 per cento; garantire il 70 per cento di preparazione per il riutilizzo di beni e di riciclaggio di materia rispetto al rifiuto prodotto dalle frazioni costituite da carta, plastica, vetro e metalli; ridurre la produzione pro capite di rifiuti urbani del 20 per cento rispetto alla produzione del 2015.

     

    >>Leggi anche Centri di riuso, il FVG li finanzia con quasi 940mila euro<<

     

    Il testo mira al potenziamento degli strumenti virtuali nelle operazioni di monitoraggio e mappatura. Si parte dal Sistema informativo regionale dei rifiuti (S.I.R.R.) per finire all’applicativo O.R.So (Osservatorio di rifiuti sovraregionale) che riunisce per finalità di controllo e statistiche i dati relativi ai rifiuti urbani e speciali, passando per il Me.L.Am (Medicina del lavoro- amianto), strumento di acquisizione telematica delle informazioni finalizzate alla mappatura di beni e materiali contenenti amianto e delle comunicazioni sullo smaltimento dei rifiuti con amianto durante le attività di bonifica.

     

    Tra le vere novità introdotte con la legge, l’istituzione di un Tavolo permanente per l’economia circolare al quale partecipano le strutture regionali competenti in materia di ambiente, attività produttive, risorse agricole, salute, politiche sociali, lavoro, formazione, istruzione, ricerca, volontariato, mediante i rispettivi Direttori o loro delegati. Il suo compito sarà quello di coordinare le attività volte a dare attuazione alle misure individuate nel Programma regionale di prevenzione della produzione dei rifiuti e agevolare il passaggio da un’economia lineare ad una circolare.

    L’assessore ha anche rimarcato che, a breve, “diventerà legge anche la lotta allo spreco alimentare, una delle battaglie iniziate dalla giunta regionale con l’approvazione del Programma regionale di prevenzione della produzione di rifiuti, le cui azioni concrete sono già in campo”.

     

    >>Leggi anche Friuli Venezia Giulia: pronto nuovo piano regionale amianto<<

     

    Tutte le News | Friuli
    Friuli Venezia Giulia: pronto nuovo piano regionale amianto02 ottobre 2017

    Friuli Venezia Giulia: pronto nuovo piano regionale amianto

    Nuove linee guida per la microraccolta comunale, un archivio digitale e un laboratorio specializzato nella valutazione delle fibre disperse in aria. Così la Regione rinnova la lotta all’asbesto

    19513 febbraio 2017

    Inquinamento diffuso: dal Friuli il primo studio in Italia

    La regione è impegnata in un ampio progetto per studiare le cause della contaminazione dei suoli da multi-fonti. Vito: “Si tratta di un’esperienza unica in Italia”

    scuola-aule-vuote12 settembre 2016

    Il Friuli investe nel risparmio energetico di case e scuole

    Edilizia scolastica e privata nel mirino dei nuovi stanziamenti regionali finalizzati all’abbattimento dei consumi energetici

    blackboard-lightbulb04 luglio 2016

    Il Friuli Venezia Giulia taglia i consumi energetici delle scuole

    Stanziati 1,5 milioni di euro per interventi di retrofit energetico nelle scuole di San Leonardo e Porcia

    hsbc-china-pmi-rises-to-501-in-line-with-expectations29 aprile 2016

    Friuli Venezia Giulia, competitività energetica innanzitutto

    Le Regione approva nuovi finanziamenti, del valore di 600mila euro, per le PMI locali che intendono aumentare la propria efficienza energetica

    3D Electric power lines over sunrise19 ottobre 2015

    Il Friuli Venezia Giulia e la rivoluzione energetica

    In preparazione la nuova disciplina del sistema energetico regionale. Obiettivi: modernizzazione della rete, efficientamento energetico, semplificazione delle procedure

    energie-rinnovabili14 settembre 2015

    Energia sostenibile: contributi ai comuni dal FVG

    Approvati, su proposta dell’assessore all’Ambiente ed Energia Sara Vito, due regolamenti per favorire l’attuazione di politiche virtuose da parte dei Comuni finalizzate a ridurre l’inquinamento

    123