• Articolo Suva, 18 ottobre 2017
    • Fiji: un green bond da 50 mln per combattere il cambiamento climatico

    • Lo Stato insulare è il primo Paese in via di sviluppo ad emettere un’obbligazione verde sovrana. I titoli finanzieranno progetti di resilienza climatica

    fiji

    Il primo ministro delle Fiji

     

    Le Fiji rinnovano la strategia di resilienza 

    (Rinnovabili.it) – “Nella nostra regione la verità è questa: se non riusciremo ad ottenere un’intesa fra le nazioni industrializzate per continuare a ridurre le emissioni di carbonio e abbassare la temperatura globale, le conseguenze saranno catastrofiche”. Così parlava al suo Parlamento il primo ministro delle Fiji, Frank Bainimarama, all’inizio del 2017. La nazione, a cui è stata assegnata la presidenza della 23esima COP dell’Unfccc, è ormai da tempo in prima linea nella lotta climatica.

    Sono stati il primo Paese a ratificare l’Accordo di Parigi e, insieme alle altre piccole nazioni insulari, conducono quotidianamente una lotta contro gli effetti del riscaldamento globale. Effetti che sono arrivati qui con maggior intensità rispetto al nord del mondo, nonostante l’arcipelago, con le sue 300 isole, sia responsabile di appena lo 0,04 per cento delle emissioni globali di gas serra. Basta ricordare il 2016, quando il ciclone tropicale Winston travolse le Fiji, causando perdite economiche che ammontavano a quasi un terzo del PIL del paese.

    Non solo. Con l’aumento delle temperature e dei livelli del mare, la nazione è destina a scomparire dal mappamondo: quasi il 20 per cento dei 10 milioni di persone della regione potrebbe essere sfollato a causa del cambiamento climatico entro il 2050.

     

    >>Leggi anche Le Fiji il sono il primo Paese a ratificare l’accordo sul clima<<

     

    Ma le Fiji non hanno perso la speranza e oggi cercano di stimolare una azione climatica globale. Lo fanno, prima ancora di arrivare sul palco della COP 23, con il rilascio di un green bond (obbligazione verde) da 50 milioni di dollari. Il paese diverrebbe così il primo mercato emergente a emettere un’obbligazione di Stato “sostenibile”. I titoli finanzieranno progetti di adattamento e resilienza climatica e una serie di iniziative a sostegno dell’impegno nazionale per raggiungere il 100% di energie rinnovabili e ridurre le emissioni di CO2 nel settore energetico del 30% entro il 2030.

     

    “I popoli fijiani,  – ha dichiarato Bainimarama – insieme a ogni isola del Pacifico, vivono in prima linea il cambiamento climatico. L’aumento dei mari, i cambiamenti climatici e gli eventi meteorologici estremi, minacciano il nostro sviluppo, la nostra sicurezza e il nostro modo di vita. [Per questo] ho fatto dell’accesso alla finanza climatica il pilastro della nostra presidenza alla prossima COP23 e siamo orgogliosi di dare un esempio alle altre nazioni vulnerabili emettendo questo green bond che aumenterà la nostra resilienza”.

    >>Leggi anche Finanziare le infrastrutture verdi con i green bond<<

    Tutte le News | Green Economy
    mercato del carbonio13 ottobre 2017

    La riforma del mercato del carbonio dovrà aspettare ancora

    Finiti a notte fonda, i negoziati tra Parlamento UE e Stati membri non hanno portato a nulla. L’accordo per riformare il mercato del carbonio è rinviato

    mercato del carbonio09 ottobre 2017

    Settimana decisiva per la riforma del mercato del carbonio

    Il 12 ottobre è attesa la proposta di compromesso sulla riforma del mercato del carbonio. Ma restano ancora numerosi interrogativi da sciogliere

    WGEO: gli Emirati Arabi costruiscono il futuro06 ottobre 2017

    WGEO: gli Emirati Arabi costruiscono il futuro

    75% di rinnovabili per il 2050, il parco energetico più grande del mondo da 5000 MW, un green fund da 27 miliardi di USD: questi gli ingredienti della colossale sfida con la quale gli Emirati Arabi affrontano la transizione energetica

    centri del riuso06 ottobre 2017

    I Centri del riuso diventano spazi per la cultura circolare

    La Regione approva le nuove linee guida per i centri comunali, frutto del percorso partecipato condotto nei mesi scorsi

    Scarpe per bambini, evitare lo spreco grazie all’economia circolare06 ottobre 2017

    Scarpe per bambini, evitare lo spreco grazie all’economia circolare

    Shoey Shoes è un sistema che permette ai consumatori di evitare l’acquisto delle calzature “noleggiando” scarpe che “crescono” al crescere del piede de bambino

    petrolio03 ottobre 2017

    I raffinatori di petrolio vogliono continuare ad inquinare gratis

    A pochi giorni dall’avvio dei negoziati tra Commissione, Parlamento e Consiglio UE anche le raffinerie di petrolio chiedono sconti sulla riforma dell’ETS

    aziende02 ottobre 2017

    Aziende, ecco 6 modi per diventare protagonisti dell’economia circolare

    Alcuni brevi suggerimenti da parte degli esperti di Eco-business su come “dirottare” la strategia aziendale sulle opportunità offerte dall’economia circolare