• Articolo Roma, 11 ottobre 2019
    • Imprese italiane sotto la lente: l’analisi di Fondazione per lo sviluppo sostenibile

    • Fondazione per lo sviluppo sostenibile ho condotto un’approfondita analisi per valutare le modalità e la qualità con cui gli aspetti ambientali, in particolare, vengono trattati nelle Dichiarazioni Non Finanziarie (DNF) delle imprese italiane

    imprese italiane

    Credit: Pexels.com

     

    Indagine sulle Dichiarazioni non finanziarie delle imprese italiane condotta da Fondazione per lo sviluppo sostenibile

    (Rinnovabili.it) – La Direttiva Europea 2014/95/UE ha richiesto agli stati membri dell’Unione di introdurre un nuovo obbligo in tema di dichiarazioni non finanziarie: in Italia recepita con l’approvazione del D.Lgs.n. 254/2016 e riguardante gli esercizi finanziari aventi inizio a partire dal 1° gennaio 2017, tale dichiarazione copre nello specifico “i temi ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione attiva e passiva” (art. 3, comma 1). Semplificando, le informazioni minime necessarie alla sua compilazione devono necessariamente riguardare l’utilizzo delle risorse energetiche e l’impiego di risorse idriche, le emissioni di gas a effetto serra e quelle inquinanti, l’impatto su ambiente, salute e sicurezza, gli aspetti sociali attinenti la gestione del personale, le misure messe in atto dall’esercizio per prevenire le violazioni dei diritti umani e, infine, gli strumenti adottai per la lotta alla corruzione.

     

    >>Leggi anche Istat: crescono gli investimenti verdi in Italia<<

     

    Al fine di valutare le modalità e, soprattutto, la qualità con cui gli aspetti ambientali in particolare vengono trattati nelle Dichiarazioni Non Finanziarie (DNF) delle imprese italiane, la Fondazione per lo sviluppo sostenibile ha condotto un’approfondita analisi che ha interessato 130 imprese interrogate sulla base di una griglia di 86 indicatori chiave. Il quadro che ne è emerso risulta all’apparenza piuttosto omogeneo: l’indagine ha evidenziato che la dimensione ambientale è sempre presente negli strumenti di reporting non finanziario, ma raramente viene rappresentata in modo adeguato. Nel dettaglio, per il 68% delle imprese interrogate, il cambiamento climatico risulta essere un tema strategicamente rilevante ed il 90% di esse rendiconta regolarmente le proprie emissioni di gas serra. Tuttavia, solo il 17% riporta un target di riduzione delle emissioni e ancora meno, il 5%, adotta un target in linea con gli impegni dell’Accordo di Parigi. Inoltre solo il 21% delle imprese rendiconta con chiarezza gli investimenti effettuati per eventuali miglioramenti ambientali e meno di un’impresa su dieci riporta gli impatti ambientali connessi all’utilizzo dei propri prodotti.

     

    “La transizione alla green economy richiede il pieno coinvolgimento del mondo delle imprese.  – ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione sviluppo sostenibile – Questo necessariamente richiede agli imprenditori di innovare approcci e strumenti, inclusi quelli legati alla rendicontazione non finanziaria. Con questa indagine abbiamo voluto verificare il livello raggiunto dagli attuali strumenti di rendicontazione in relazione ai criteri e agli obiettivi di green economy. Ne sono scaturite  6 raccomandazioni che mi auguro possano essere utili alle imprese per trasformare il reporting in un efficace strumento di orientamento strategico e di innovazione green dei propri modelli di business”.

     

    Presentato in occasione dell’evento “La green economy nel reporting non finanziario” organizzato lo scorso 10 ottobre con il supporto di Itelyum e la partnership con il Global Compact Network Italia, il documento “6 Raccomandazioni per il green reporting” comprensivo dell’indagine con i risultati degli 86 indicatori è scaricabile online dalla sezione pubblicazioni del sito www.fondazioneperlosvilupposostenibile.org  

     

    Qui sotto invece le 6 raccomandazioni per le Imprese formulate da Fondazione per lo sviluppo sostenibile

    1.     Dare più spazio alle tematiche ambientali: planet first!

    2.     Dal processo al prodotto: mettere al centro la qualità ambientale dei beni e servizi

    3.     Obiettivi e target: misurare le proprie performance ambientali

    4.     Climate action: misurare e ridurre la carbon footprint di processo e di prodotto

    5.     Circular economy: orientare il modello di business in chiave circolare

    6.     Capitale naturale e biodiversità: un nuovo patto tra imprese e territorio

    Tutte le News | Green Economy
    bando economia circolare04 ottobre 2019

    Bando economia circolare, dalle Marche quasi 2 mln di euro

    Assessore Manuela Bora “L’economia circolare rappresenta un obiettivo fondamentale da perseguire per garantire un futuro alle prossime generazioni e offre ampie opportunità di sviluppo ai nostri territori”

    Finanza sostenibile03 ottobre 2019

    Finanza sostenibile: ma da che parte stanno le banche?

    Gli istituti bancari continuano imperterriti a investire nel settore dei combustibili fossili. Eppure, gli investitori vedono nelle banche dei driver fondamentali per un’economia a basse emissioni.

    fondi d'investimento danimarca24 settembre 2019

    I fondi d’investimento della Danimarca puntano sui business sostenibili

    Dopo MP Pension e PFA, Insurance and Pension Denmark, il terzo fondo industriale danese, ha annunciato un massiccio piano d’investimenti green (quasi 50 miliardi di euro) entro il 2030

    parco bioreattori20 settembre 2019

    Nasce il Parco Bioreattori: microalghe al centro della bioeconomia

    Inaugurato all’interno dell’Istituto Spallanzani un’area di circa 500 metri quadri completamente dedicata allo sviluppo di tecnologie microalgali. Assessore Rolfi: Siamo di fronte a un esempio concreto di economia circolare”

    elettronica obsolescenza18 settembre 2019

    Elettronica: l’impatto climatico dell’obsolescenza programmata

    Secondo gli esperti prolungare di 5 anni la vita di cellulari, notebook, lavatrici e aspirapolvere, consentirebbe all’Europa di risparmiare 10 milioni di tonnellate di CO2

    investimenti sostenibili16 settembre 2019

    ONG: investimenti sostenibili, solo la scienza può definirli tali

    Il WWF e altre 50 organizzazioni presentano un documento contenente le 10 questioni prioritarie per la nuova tassonomia UE sulla finanza verde

    illuminazione smart sfida enel openinnovability26 agosto 2019

    Illuminazione smart in città: Enel lancia la sfida a innovatori ed esperti

    Sulla piattaforma openinnovability.com è attiva la challenge:  “Soluzioni innovative per ridurre i costi di manutenzione dell’illuminazione pubblica in città”. Premio da 10 mila dollari e possibilità di sviluppo per i migliori progetti teorici