• Articolo Roma, 27 giugno 2017
    • Ecopneus: dal riciclo PFU, 400mln di valore aggiunto

    • Oltre 245mila tonnellate di PFU recuperate nel 2016 dalla società che oggi punta ad un preciso obiettivo: il 100% di recupero materia

    ecopneus

     

     (Rinnovabili.it) – Ben 245mila tonnellate di pneumatici fuori uso recuperati, oltre 120 milioni di euro risparmiati in importazioni di materie prime, 63 milioni di euro di valore economico distribuito ogni anno alla filiera industriale, 700 posti lavori. I numeri dell’economia circolare dei PFU parlano da soli. Eppure costituiscono solo la punta dell’iceberg dell’intero potenziale sfruttabile. Lo conferma nei fatti l’attività di Ecopneus, a cui appartengono i numeri sopracitati e che oggi, gestisce mediamente 250 mila tonnellate di PFU l’anno, con il 56% di recupero di materia effettivo.

    ecopneus

     

    La società da sette anni lavora in Italia per il rintracciamento, la raccolta, il trattamento di copertoni e gomme a fine vita. Sette anni in cui ha recuperato ben 1.400.000 tonnellate di pneumatici, un quantitativo che basterebbe per coprire più di due volte la circonferenza terrestre. Ma premendo l’acceleratore sul riciclo, i benefici ottenibili sia sul piano ambientale, che su quello prettamente economico, potrebbero essere ancora maggiori.

     

    ecopneus

     

    E nel convegno organizzato oggi a Roma da Ecopneus si sono puntati i riflettori proprio su questo tema: quanto può valere davvero l’economia circolare dei PFU? Lo studio commissionato dalla società alla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, quantifica questi vantaggi. E lo fa onestamente, mettendo a confronto due scenari alternativi per la gestione delle 400.000 tonnellate di PFU stimate generate ogni anno sul territorio nazionale: uno indirizzato al 100% riciclo e l’altro al 100% recupero energetico.

    Dall’analisi, il recupero della materia ne esce vincente. Nello scenario Full Recycling infatti si potrebbero evitare emissioni di gas serra in un anno per 885 mila tCO2eq. Vale a dire 477 mila in più rispetto allo scenario Full Energy Recovery. Non solo. Nel primo caso si otterrebbero circa 400 milioni di euro di valore aggiunto e oltre 6.000 unità di lavoro dirette, indirette e indotte, contro i 30 milioni di valore aggiunto e poco meno di 500 unità di lavoro per lo scenario 100% recupero energetico”.

     

    “Lo studio – afferma Andrea Barbabella, responsabile dello studio per la Fondazione rivela come il principale beneficio in termini economici e occupazionali del recupero dei PFU risieda in primo luogo nel risparmio sulla spesa corrente associato alle importazioni di materie prime evitate, che renderebbe disponibili risorse economiche per nuovi investimenti a scala nazionale e, a seguire, aumenterebbe redditi e consumi interni consentendo un ingente vantaggio ‘di sistema’ per il Paese”.

     

    Mettendo nel conto anche i benefici sanitari, la vittoria del riciclo appare schiacciante: “719 anni di vita preservati grazie alle emissioni evitate di sostanze nocive e cancerogene”.

     

    In occasione della presentazione del Report di Ecopneus, è stato dedicato un focus sulla Terra dei Fuochi, dove sono state raccolte oltre 16mila tonnellate nell’ambito del Protocollo speciale col Ministero dell’Ambiente e dove sorgerà, nel quartiere di Scampia a chiusura del cerchio del recupero dei pneumatici abbandonati nelle province di Napoli e Caserta, un campo di calcio regolamentare realizzato con i granuli di gomma riciclata da PFU. Segno della volontà di combattere il degrado dell’abbandono e dei roghi illegali, dando un nuovo futuro a materiali che erano rifiuti, e nuove opportunità ai giovani che di quella Terra sono il futuro.

    Tutte le News | Green Economy
    finanza verde27 giugno 2017

    Cina: 5 zone di finanza verde per combattere l’inquinamento

    Cinque aree pilota che sosterranno finanziariamente lo sviluppo sostenibile delle industrie. Incoraggiati meccanismi di credito e scambio emissioni

    economia circolare italiana20 giugno 2017

    Gli ostacoli dell’economia circolare italiana in 5 storie

    Le storie di cinque filiere virtuose dell’economia circolare italiana bloccate da ritardi normativi e burocrazia

    green bond19 giugno 2017

    Intesa Sanpaolo è la 1a banca italiana a emettere green bond

    L’importo raccolto finanzierà progetti dedicati alle energie rinnovabili e all’efficienza. La banca elaborerà una speciale reportistica che ne traccerà i benefici ambientali

    green bond apple14 giugno 2017

    Apple: green bond per 1 mld $ per finanziare l’energia pulita

    Seconda emissione di obbligazioni verdi per il gigante dell’hi-tech statunitense che rinnova così il suo impegno climatico dopo il voltafaccia di Trump

    Nasce BS 8001, il primo standard economia circolare01 giugno 2017

    Nasce BS 8001, il primo standard economia circolare

    La Gran Bretagna è la prima a fornirsi di una norma tecnica per le imprese che intendano adottare i principi della circular economy nelle loro attività

    Centri per il riuso25 maggio 2017

    L’Emilia-Romagna potenzia la rete dei Centri per il riuso

    La Regione ha stanziato nuovi fondi per ampliare il numero di strutture per il recupero dei beni usati. Avviato anche un percorso partecipativo per aggiornarle

    Il Fotovoltaico traina i posti di lavoro nelle rinnovabili24 maggio 2017

    Il fotovoltaico traina i posti di lavoro nelle rinnovabili

    L’energia rinnovabile impiega oggi 9,8 milioni di persone in tutto il mondo. Un dato in aumento del 1,1% rispetto al 2015