• Articolo Bari, 28 aprile 2017
    • Progetto GGAG, così in Puglia nasce il network dei green job

    • Presentato ieri il progetto di Legambiente per creare un network tra giovani, imprese innovative, scuole, università e Pubblica Amministrazione sulle opportunità dei green jobs in Puglia

     green jobDobbiamo portare avanti la cultura della green economy che offre grandi opportunità per i giovani”. Un imperativo, quello pronunciato ieri dall’assessore pugliese al Lavoro e Formazione, Sebastiano Leo, che nella regione si concretizza nella creazione di un network dei green job, frutto del progetto GGAG – Go Green Apulia, Go!

    L’assessore è intervenuto al lancio di GGAG, iniziativa promossa da Legambiente per sensibilizzare le giovani generazioni sulla green economy e sulle opportunità che offrono i lavori verdi. Finanziato  dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, il progetto mira a creare una rete tra imprese innovative, scuole, università, istituti di formazione, enti del terzo settore e Pubblica Amministrazione.

     

    “Lavorare nel green è una scelta che ha dato occupazione a 2430 persone in Puglia, ossia il 3,4 % del totale nazionale – spiega il presidente di Legambiente Puglia Francesco Tarantini – mentre sono 23.330 le imprese pugliesi che dal 2010 al 2015 hanno fatto ecoinvestimenti, come certifica il rapporto ‘Greenitaly 2016’ di Fondazione Symbola e Unioncamere. I green jobs sono in continua evoluzione, interessano tutti i settori e richiedono una formazione sempre più specifica. Con questo progetto vogliamo mettere in contatto diretto i giovani in cerca di occupazione nel settore green con imprese private”.

     

    Il progetto di Legambiente, che avrà durata biennale, si articola in un viaggio di 6 tappe, uno per ciascuna provincia pugliese dove, conferenze, dibattiti, incontri con la cittadinanza e percorsi formativi informali, porranno i riflettori sui tesori ambientali, culturali e territoriali e sulle esperienze virtuose del territorio, scelte come esempi delle “buone energie”, spesso sconosciute, lette ed interpretate attraverso l’occhio della green economy e dei lavori verdi, e coinvolgerà le comunità locali coinvolte nelle varie fasi progettuali, identificabili con l’intero territorio regionale.

     

    “GGAG – Go Green Apulia, Go!” si rivolge ai giovani di età compresa tra i 19 e i 35 anni, residenti nella regione Puglia, classificati in diversi target quali studenti di scuole tecnico-professionali, universitari in ambito tecnico scientifico, giovani disoccupati e persone appartenenti a categorie protette. Il progetto si concluderà con un “Training Green Jobs Camp” a cui parteciperanno coloro (dieci persone in totale) che sono risultati vincitori del concorso indetto da Legambiente nell’ambito del progetto, volto ad individuare idee capaci di coniugare le tematiche dell’integrazione e dell’inclusione sociale con la sostenibilità ambientale, insieme a una visione di business vincente. Delle dieci idee selezionate, i giovani partecipanti al Camp, con l’aiuto di docenti e formatori, ne sceglieranno una sulla quale sviluppare un project work che renda fattibile l’idea progettuale stessa.

    Nell’ambito del progetto, inoltre, Legambiente ha creato un apposito portale internet (www.gogreenapuliago.org) che farà da ‘vetrina’ al mondo dei green jobs in Puglia, favorendo l’incontro tra domanda e offerta, mettendo così in contatto giovani in cerca di occupazione nel settore del green e aziende private, amministrazioni locali, enti di ricerca, ecc. interessati a conoscere e assumere nuovi profili, creando così un vero e proprio Green Jobs Network.

    Tutte le News | Green Economy
    Ecolight26 aprile 2017

    Raee: Ecolight conferma il presidente Walter Camarda

    L’imprenditore varesino rimane alla guida del Consorzio nazionale per la gestione dei RAEE, delle pile e rifiuti professionali. «Potenziamento della raccolta con strumenti prossimità e servizi alle imprese, queste le linee guida per il prossimo triennio

    horizon 202024 aprile 2017

    Horizon 2020, quando innovazione fa rima con combustibili fossili

    Selezioni quindici progetti energetici che riceveranno i 74 mln di finanziamenti. Ma la maggior parte è legata al carbone pulito e alle fonti fossili

    Gli investimenti italiani nelle rinnovabili crescono ma all’estero11 aprile 2017

    Gli investimenti italiani nelle rinnovabili crescono ma all’estero

    Nel 2016 le imprese italiane hanno sborsato 7,2 miliardi di euro per 6,8 GW di energia pulita. Ma la maggior parte degli investimenti è fuori dai confini nazionali

    Green economy su scala urbana, una road map mostra la via05 aprile 2017

    Green economy su scala urbana, una road map mostra la via

    Architetti e esponenti dell’economia aderiscono al Manifesto della green economy per la città futura, documento programmatico per una rivoluzione urbana in chiave “verde”

    Utility,  un futuro di ‘servizi on-demand’ per cittadini consapevoli29 marzo 2017

    Utility, un futuro di ‘servizi on-demand’ per cittadini consapevoli

    Presentata la nuova edizione di “Orange book”. La monografia rilancia il ruolo e le attività delle Utilities a partire dal potenziale di servizi legati ai progetti di efficienza energetica

    GETI, acronimo di Energy Global Talent Index, prima indagine condotta a livello globale per valutare i trend occupazionali nel campo delle rinnovabili, del petrolio, del gas e del nucleare.27 marzo 2017

    Rinnovabili, la forza lavoro è giovane

    Pubblicato GETI, il primo Energy Global Talent Index che valuta l’andamento dell’occupazione nel settore energetico mondiale

    Con l'efficienza delle risorse risparmi fino a 2000 mld17 marzo 2017

    Con l’efficienza delle risorse risparmi fino a 2000 mld

    L’Onu spiega come un uso sostenibile di materiali ed energia coprirebbe non solo le spese della lotta climatica ma aumenterebbe anche il PIL procapite