• Articolo New York, 13 agosto 2018
    • Green bond: c’è chi usa la carota e chi il bastone

    • BNEF analizza il mercato delle obbligazioni verdi e gli strumenti adottati per intensificarne la crescita

    Green bond: c’è chi usa la carota e chi il bastone

     

     

    Come spronare il mercato dei green bond?

    (Rinnovabili.it) – Le obbligazioni verdi sono uno degli strumenti finanziari a più rapida crescita. Solo dieci anni fa si contavano emissioni annue inferiori al miliardo di dollari; oggi hanno superato i 170 miliardi, divenendo un mezzo popolare per finanziare infrastrutture ecocompatibili, progetti di efficienza energetica e impianti per la produzione di energia pulita. Ma a fronte dell’exploit registrato nell’ultimo periodo, le obbligazioni verdi rappresentano ancora solo  una goccia nel mercato del reddito fisso mondiale, con una fetta di appena il 7%.

    Come spiegano Nathaniel Bullard e Daniel Shurey, analisti di Bloomber New Energy Financese la comunità finanziaria vuole che il segmento verde passi dall’essere un elemento ‘esoterico’ a una componente significativa dei mercati globali del capitale, i volumi dovranno passare da miliardi ai trilioni”.

     

    green bond

     

    La domanda da cui sono partiti Bullard e Shurey è: Come possono fare i governi a impegnarsi in questo mercato? Le autorità governative in ciascuna delle tre principali regioni chiave per l’emissione di obbligazioni – Asia-Pacifico, Europa e Stati Uniti – stanno adottando approcci molto diversi alla sfida. Nel complesso BNEF ha individuato tre opzioni d’intervento: si può incentivare la crescita (quello che gli analisti chiamano il metodo della carota), la si può forzare (il bastone) o si può camminare avanti per dare l’esempio.

     

    >>Leggi anche Obbligazioni verdi al centro delle strategia finanziaria di 9 utility europee<<

     

    I governi asiatici stanno usando le carote. Attualmente sono in vigore cinque programmi di incentivazione in tutta la regione, con Cina, Hong Kong, Giappone, Malesia e Singapore che dominano il settore. La forma più comune di incentivo è una sovvenzione per i costi dell’emissione delle obbligazioni, in particolare per le spese legate alla verifica di ciò che rende realmente verde il bond da parte di terzi.

     

    In Europa, invece, si preferisce di gran lunga il bastone. Qui i green bond sono nati in un ambiente con pochi incentivi finanziari o normativi dedicati alla finanza verde. A marzo di quest’anno, la Commissione europea ha pubblicato l’Action Plan on Sustainable Finance, una strategia per la realizzazione di un sistema finanziario che sostenga il programma dell’Unione per il clima e lo sviluppo sostenibile. Il piano tuttavia si concentra sul rafforzamento dei cambiamenti comportamentali sul lato della domanda, piuttosto che su quello dell’offerta. Le proposte includono marchi UE per i prodotti finanziari verdi e l’obbligo, per i gestori di attività e gli investitori istituzionali, di tenere conto dei fattori di sostenibilità nel processo di investimento e di rendere più stringenti gli obblighi di comunicazione. “È un approccio più muscoloso rispetto all’Asia – scrivono gli analisti – ed è anche strutturato più sulla penalità che sull’opportunità”.

     

    La terza tattica è quella di dare l’esempio, incarnata dal relativamente nuovo mercato dei titoli verdi sovrani. Ad oggi, infatti, sette emittenti sovrani  – Polonia, Francia, Fiji, Nigeria, Belgio, Indonesia e Lituania – hanno venduto green bond per un totale combinato di 25,5 miliardi di dollari. “I green bond  – scrivono gli analisti – stanno seguendo un percorso già calpestato dall’energia pulita dieci anni fa […] Le autorità hanno offerto sia carote (come sussidi) che bastoni (come l’obbligo di livelli minimi di rinnovabili per le utilities) per contribuire a ridimensionare il mercato e ridurre i costi. Oggi vediamo numerosi esempi di progetti rinnovabili altamente competitivi che sono in grado di prosperare nel mercato senza alcun supporto governativo. Carote e bastoni hanno funzionato abbastanza bene per l’energia pulita e spesso non sono più necessari . Forse funzioneranno altrettanto efficacemente per le obbligazioni verdi”.

    Tutte le News | Green Economy
    apple13 luglio 2018

    Apple annuncia un fondo da 300 mln per l’energia pulita in Cina

    Il nuovo China Clean Energy Fund mira a realizzare almeno 1 gigawatt di nuova capacità nel gigante asiatico attraverso impianti rinnovabili

    EcoForum 2018 economia circolare27 giugno 2018

    EcoForum 2018: al centro economia circolare e industria 4.0

    Si è aperta martedì 26 giugno la prima giornata del Forum dedicato all’economia circolare

    Green building18 giugno 2018

    Il progetto pilota sui mutui verdi per l’efficientamento energetico

    Ad aderire all’iniziativa, finanziata dai fondi dal programma dell’Unione Europea Horizon 2020, sono trentasette istituti bancari a cui si sommano ventitré organizzazioni

    HEROES Meet In Maratea08 giugno 2018

    HEROES Meet In Maratea dedicato a innovazione e impresa: partecipa con la tua Startup

    Il Festival, giunto alla sua terza edizione, si terrà dal 20 al 22 settembre 2018 e accoglierà personalità d’impresa, investitori, creativi e manager di startup italiane ed internazionali

    eco packaging06 giugno 2018

    Deliveroo abbandona la plastica in favore dell’eco packaging

    Oltre ai contenitori 100% biodegradabili, la svolta green dell’azienda di food delivery passerà per l’opzione “No posate” che il cliente potrà fare dalla sua App al momento della scelta del cibo

    costa05 giugno 2018

    Per Costa, ministro dell’Ambiente il faro sarà l’economia circolare

    Leve fiscali per disincentivare l’uso della plastica, economia circolare e raccolta differenziata, attuazione della Cnapi, la mappa che individua le zone per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi: queste le priorità del neo ministro all’Ambiente Sergio Costa

    Piattaforma italiana economia circolare04 giugno 2018

    La prima Piattaforma italiana per l’economia circolare

    Lanciata da ENEA, la ICESP – Italian Circular Economy Stakeholder Platform sarà lo strumento attraverso cui scambiarsi e diffondere le buone pratiche di economia circolare sul territorio italiano e a livello europeo