• Articolo Roma, 30 settembre 2015
  • I dati del rapporto CompraVerde

    Appalti verdi per 11 miliardi l’anno, ma l’Italia può fare di più

  • Negli ultimi 5 anni si investe meglio e di più in appalti verdi e acquisti ecologici nella Pubblica amministrazione. Ma i privati restano al palo

Appalti verdi per 11 miliardi l’anno ma l’Italia può fare di più 1

 

(Rinnovabili.it) – Valgono circa 11.5 miliardi di euro l’anno gli appalti verdi italiani, cioè eseguiti con criteri ambientali. Lo rivelano i primi dati del Rapporto CompraVerde-Buy Green, forum internazionale degli acquisti verdi, che si tiene l’1 e il 2 ottobre all’Acquario Romano-Casa dell’Architettura di Roma.

Secondo il rapporto, le Regioni più virtuose, dove si concentra la maggior parte degli acquisti verdi, sarebbero 6: Sardegna, Puglia, Toscana, Emila Romagna, Liguria e Piemonte. Non a caso, in questi territori, le amministrazioni presenti o passate hanno approvato un piano d’azione per il Green Public Procurement (GPP). Un po’ pochino nell’economia di una nazione che stenta ancora a investire cifre consistenti nel settore: gli acquisti verdi, infatti, coprono appena il 9,3% dell’ammontare in valore degli appalti (con acquisti totali pari a 2.400 miliardi di euro l’anno).

 

Appalti verdi per 11 miliardi l’anno ma l’Italia può fare di piùPer il Rapporto Compraverde, tuttavia, le cose sono migliorate soprattutto negli ultimi 5 anni. In questo periodo, si è registrato un calo medio del 20,3% di energia consumata per unità di prodotto, un aumento del 5,1% di materiali riciclati, una diminuzione dell’8,9% delle emissioni, una riduzione del 6,8% di rifiuti e un calo del 7,7 % dell’impatto ambientale complessivo.

Un trend che si scontra con il crollo di richieste di etichettatura certificata “Ecolabel” da parte del settore privato negli ultimi 3 anni. Il marchio “eco”, è applicato ad oggi su 19.596 prodotti con 361 licenze ‘Ecolabel’ concentrate in Trentino, Toscana e Puglia. Le vantano soprattutto gli alberghi (361), la carta (36), i campeggi (25), detergenti e detersivi (47) e vernici (12).

 

Tra le amministrazioni centrali, le performance migliori le registra l’Agenzia delle Entrate: usa fonti di energia rinnovabili, ha adottato parametri ambientali nei servizi per le pulizie, nella ristorazione e per i distributori automatici.

Nel 2013 è stato approvato il Piano nazionale per il green public procurement, che delinea nuovi obiettivi a livello nazionale e il raggiungimento del 50% degli acquisti negli appalti pubblici secondo criteri ambientali minimi. Al momento non sono parametri vincolanti, ma il collegato ambientale alla Legge di stabilità dovrebbe introdurre l’obbligatorietà.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *