• Articolo Manila, 28 settembre 2015
  • Da ADB 6 mld l’anno per mitigare gli effetti del climate change

  • L’Istituto raddoppierà entro il 2020 il finanziamento di progetti che aiutino i paesi dell’Asia-Pacifico a mitigare l’impatto del cambiamento climatico

Da ADB 6 mld l’anno per mitigare gli effetti del climate change

 

 

(Rinnovabili.it) – Aiutare i paesi dell’Asia Pacifico a rispondere nel migliore dei modi all’impatto del climate change, mitigandone gli effetti più devastanti. Questo l’obiettivo del rinnovato impegno finanziario dell’Asian Development Bank (ADB) nei confronti delle aree più vulnerabili agli attuali stravolgimenti climatici. Sei dei dieci Paesi più colpiti oggi dagli effetti del global warming e condizioni meteo estreme, si trovano nelle regioni dell’Asia-Pacifico. Partendo da questa consapevolezza, l’istituto finanziario ha deciso di raddoppiare i finanziamenti ai progetti di adattamento e mitigazione, raggiungendo quota 6 miliardi di dollari l’anno entro il 2020.

 

“Da nessuna parte nel mondo si affronta il cambiamento climatico in maniera più critica che in Asia e nel Pacifico, dove l’aumento del livello dei mari, lo scioglimento dei ghiacciai, inondazioni e siccità stanno danneggiando i mezzi di sussistenza e prendendosi troppe vite”, ha commentato il presidente di ADB, Takehiko Nakao in un comunicato stampa. Perdere la battaglia climatica, ha spiegato Nakao, vorrebbe dire dover contare un numero crescente di vittime e ingenti danni economici: solo l’Asia meridionale potrebbe perdere un 8,8 per cento del suo prodotto interno lordo annuo entro il 2100.

Senza contare che a causa dei disastri naturali legati al clima, solo nel periodo tra il 2010 e il 2011, più di 42 milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case. E la situazione è destinata a peggiorare nell’immediato futuro.

 

Dei 6 miliardi annui, 4 miliardi di dollari saranno dedicati alla mitigazione attraverso l’aumento progressivo del supporto alle energie rinnovabili, l’efficienza energetica e ai trasporti sostenibili e alla creazione di città intelligenti. Il resto sarà per focalizzato su azioni di adattamento aumentando la resilienza delle infrastrutture, impostando pratiche agricole “climate smart”, e attraverso una migliore preparazione alle catastrofi legate al clima. ADB ha anche rivelato di essere pronta a esplorare opportunità di cofinanziamento con partner pubblici e privati ​​per aiutare la regione adattarsi al riscaldamento globale.

Un Commento

  1. ritamir
    Posted settembre 28, 2015 at 12:28 pm

    Investite nella dissalazione dell’acqua tramite energie rinnovabili e in infrastrutture per il suo trasporto nelle regioni siccitose. Si è capaci di costruire oleodotti che attraversano terre e mari e non si può costruire un acquedotto che porti acqua potabile dove c’è bisogno? Andate a scuola e studiate gli antichi romani, se non siete capaci di utilizzare le megagalattiche tecnologie che avete inventato.

Rispondi a ritamir Cancel reply

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *