• Articolo Washington, 31 luglio 2013
  • Un rapporto pubblicato dal Worldwatch Institute

    Eolico e solare dominano gli investimenti green

  • A dominare gli investimenti nel settore delle rinnovabili sono eolico e solare, lo rivela un nuovo rapporto per capacità e consumi mette in cima l’Europa.

Rapporto del Worldwatch Institute (Rinnovabili.it) – E’ il nuovo studio del Worldwatch Institute a rivelare che eolico e solare continuano ad attrarre e dominare gli investimenti nel settore delle rinnovabili. E a crescere, rivela il rapporto, sono anche i consumi di energia prodotta da sole e vento: Il consumo di energia solare è aumentato del 58 per cento, arrivando 93 terrawatt-ore (TWh), mentre quello dell’energia eolica è aumentata del 18,1 per cento, toccando 521,3 TWh.

 

CAPACITA’ ISTALLATA


A causa dei minori costi delle tecnologie risulta sceso il valore degli investimenti nel solare nel corso del 2012 che ammonta a 140,4 miliardi dollari, con un calo dell’11 per cento rispetto al 2011, e sono diminuiti anche gli investimenti nel settore del vento, scesi del 10,1 per cento. Nonostante questo la capacità istallata è cresciuta, segno che le rinnovabili riscuotono sempre maggiore successo. La potenza istallata, se si prende in considerazione il solare fotovoltaico, è cresciuta del 41% nel 2012 raggiungendo i 100 GW con in cima alla classifica per capacità la Germania (32,4 GW), Italia (16,4 GW), Stati Uniti (7,2 GW) e la Cina (7,0 GW). Per il solare a concentrazione invece i numeri sono molto inferiori e si fermano a 2,55 GW di potenza.

 

CONSUMI MONDIALI

 

Per quanto riguarda i consumi  la classifica è dominata dall’Europa, che rappresenta il 76% dei consumi di energia prodotta da fonte alternativa alla fossile e di questo il 30% è attribuibile alla sola Germania.

Alla regione Asia-Pacifico si attribuisce invece il 17% del consumo globale di energia solare, consumo che è del 6,7% in Giappone mentre in Cina del 4,9%.

Per l’eolico domina il mercato l’Europa che ha superato i 100 GW di potenza istallata raggiungendo i 106 GW nel 2012 (37,5% del mercato mondiale) con Germania e Spagna che rappresentano i maggiori mercati del continente. Al secondo gradino del podio la Cina, con 97,6 GW 3,5 GWmentre è da segnalare il balzo in avanti compiuto dall’America latina dove la capacità eolica istallata è cresciuta notevolmente soprattutto in Brasile dove da 2,3 GW si è passati ad una capacità di 3,5 GW.