• Articolo Roma, 12 settembre 2017
  • Una startup italiana lancia l’e-commerce per l’economia sociale

  • Offrire una vetrina alle cooperative che praticano l’economia sociale, producendo bio e solidale. La scommessa di nove ragazzi oggi è realtà

economia sociale

Lorenzo Fiore, responsabile marketing di Besk

 

Il primo sito di e-commerce per realtà dell’economia sociale

 

(Rinnovabili.it) – Biologico, etico, sociale e a km zero. Sono le parole che formano l’acronimo di Besk, startup italiana messa in piedi da giovani di belle speranze e buone intenzioni. Si presenta come il primo sito di e-commerce per prodotti realizzati da cooperative sociali. Un hub capace di fornire una vetrina digitale alle realtà che impiegano soggetti deboli, come persone con disabilità o detenuti, per i quali è più difficile entrare nel mercato del lavoro. «La nostra idea è offrire una possibilità a chi fa economia sociale di autosostenersi e continuare a dare lavoro a persone meno fortunate di noi», spiega Lorenzo Fiore, responsabile marketing di Besk.

La startup è nata nel 2015 grazie all’idea di un gruppo di nove giovani freschi di università: «Ci siamo seduti intorno a un tavolo, ciascuno con le proprie competenze, con l’idea comune di fare qualcosa che avesse valore per la società nel campo della cosiddetta ‘new economy’ – racconta Fiore – Oggi contiamo una ventina di produttori in tutta Italia, da Venezia a Palermo. Li abbiamo trovati cercando sui database delle associazioni di cooperative sociali, ma alcuni si sono aggiunti grazie al passaparola. Una volta che il produttore capisce qual è il vantaggio è facile che condivida le informazioni con altri».

 

>> Leggi anche: Così le startup sostenibili stanno cambiando il mondo <<

 

I prodotti spaziano dall’alimentare alla cura del corpo, fino al piccolo artigianato. I primi a credere nel progetto di Besk sono stati i campioni dell’agricoltura sociale della Cooperativa Capodarco, nel settore dagli anni ’70 e specializzati nella produzione di vini biologici in provincia di Roma.

Grazie alla vendita dei loro prodotti su Besk, le imprese e le fattorie sociali possono godere di maggiore visibilità per sostenere economicamente le proprie attività. Sulla rete, infatti, possono incontrare una platea di consumatori attenti ai temi sociali e ambientali che acquistano prodotti solidali e sostenibili con pochi click. Non solo: la filosofia del gruppo è attenta all’impatto ambientale dei passaggi di filiera, tra i quali la distribuzione spesso rappresenta un fattore determinante. Per questa ragione, ha deciso di commercializzare i prodotti in zone vicine al luogo di produzione, per ridurre l’incidenza del trasporto e valorizzare lo scambio su scala locale. Oltre alla possibilità di spedire gli ordini a casa dei consumatori, Besk consente di effettuare on line soltanto la prenotazione, per poi ritirare in autonomia direttamente dal produttore.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *