• Articolo Bruxelles, 20 febbraio 2012
  • Senza una decisa accelerazione l'Europa potrebbe fermarsi ad una riduzione dei consumi del 9%

    Al via consultazione pubblica UE per efficienza edifici

  • Per ridurre il ritardo sul target 2020, la Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica in materia di sostegno finanziario per l’efficienza energetica in edilizia.

(Rinnovabili.it) – Senza una decisa accelerazione, l’Ue potrebbe incorrere nel rischio di non centrare il target di efficienza energetica previsto per il 2020, fermandosi solamente al 9% di riduzione dei consumi rispetto all’obiettivo prefissato al 20%. Per correre ai ripari, la Commissione europea ha deciso di lanciare una consultazione pubblica su come migliorare il sostegno finanziario per l’efficienza energetica degli edifici, revisionando la direttiva comunitaria.

Secondo la Commissione europea, l’efficienza energetica degli edifici occupa un ruolo fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, dal momento che questo settore rappresenta il 40% del consumo finale di energia e quasi il 36% delle emissioni totali di gas serra. Questo settore, dopo il comparto energetico, possiede infatti il maggior numero di possibilità di intervento per la riduzione dei consumi, un peso notevole per la buona riuscita del progetto.

Sono chiamati a partecipare alla consultazione tutti soggetti interessati, dalle autorità locali e nazionali a banche e investitori, aziende edili, produttori di materiali da costruzione e componenti tecniche, fornitori di energia, alberghi, consumatori, sindacati, ambientalisti, rispondendo ad una serie di domande specifiche che inquadrano il problema a più livelli: per esempio come supportare il sistema finanziario e a quale livello intervenire (nazionale, regionale, locale), come aumentare la sensibilizzazione di pubblici o privati, quali problematiche risolvere per prime, quali procedure rendere obbligatorie. Il termine ultimo per partecipare alla consultazione pubblica è fissato per il 18 maggio 2012, data dopo la quale si dovrebbe riuscire ad ottenere una maggiore chiarezza di obiettivi.