• Articolo Bolzano, 4 marzo 2015
  • Controlli per rumori aerei e da calpestio

    L’architettura in legno soddisfa tutti gli standard acustici

  • Il TIS ha sottoposto sette edifici altoatesini a 70 controlli acustici per dimostrare che l’architettura in legno non ha nulla da invidiare a muratura e calcestruzzo

tis.bz.it

tis.bz.it

 

(Rinnovabili.it) – Secondo uno studio del Cluster Legno & Tecnica del TIS innovation park l’architettura in legno non ha nulla da invidiare alle costruzioni in mattoni e calcestruzzo per quanto riguarda le prestazioni acustiche. Dopo un accurato esame su rumori da calpestio, suoni trasmessi per via area, provenienti dall’esterno e dagli impianti è emerso che il legno è un materiale da costruzione dalle buone capacità isolanti.

 

L’architettura in legno soddisfa tutti gli standard acusticiSono stati presi come cavie sette progetti realizzati con componenti lignei in Alto Adige e sono stati sottoposti a 70 test di misurazione dell’intensità sonora. Dagli esami è emerso che tutti gli edifici hanno dimostrato di avere buone proprietà isolanti riuscendo a soddisfare gli standard della normativa italiana, tedesca e svizzera.

 

“Le costruzioni in legno hanno tutte le caratteristiche tecniche per isolare bene dal punto di vista acustico. Ciò significa anche che, grazie a queste sue qualità, è consigliabile usare il legno come materiale da costruzione in particolare per condomini e hotel; inoltre le aziende non devono aver paura della concorrenza di altri materiali per quanto riguarda l’isolamento acustico” spiega Christoph Mühlberg che segue il progetto sull’isolamento acustico nel Cluster Legno & Tecnica del TIS.

 

Per condividere i risultati dello studio con tutti gli interessati all’architettura in legno, il TIS durante l’anno pubblicherà una serie di documenti in cui verranno confrontati i valori emersi dagli esperimenti in laboratorio con le prestazioni contenute nelle normative delle varie nazioni.

Lo studio è stato condotto dal centro promotore dell’innovazione per le imprese altoatesine all’interno del progetto “Studio sulla fattibilità tecnica dello sviluppo di soluzioni tecniche per l’isolamento e le vibrazioni in costruzioni in legno a più piani”, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) al quale hanno preso parte quattro aziende che si occupano di architettura in legno.

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *