• Articolo Trento, 6 febbraio 2012
  • Arco-Ceole, la palazzina hi-tech premiata con il “LEED Gold”

  • È altamente sostenibile il Centro polifunzionale di Arco Ceole, realizzato da Trentino Sviluppo ed inaugurato il 15 settembre scorso

Riduzione dei consumi energetici, razionalizzazione dell’uso dell’acqua potabile, grande attenzione al comfort degli spazi di lavoro, regionalità dei materiali utilizzati, promozione della mobilità alternativa: sono alcune delle caratteristiche di sostenibilità che hanno portato la palazzina ad ottenere la certificazione LEED GOLD, rilasciata dal GBCI – Green Building Certification Institute di Washington. Il risultato va a premiare un lavoro scrupoloso che ha coinvolto la committenza, Habitech – Distretto Tecnologico Trentino in qualità di consulente LEED e le aziende impegnate nel cantiere, partendo dalla stesura dell’appalto e dalle fasi di progettazione.
La Palazzina servizi di Arco-Ceole è uno dei primi edifici pubblici trentini ad essere appaltato e realizzato secondo i parametri della certificazione ambientale LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), scelta nell’ottobre 2008 dalla Provincia di Trento come standard di riferimento. Un percorso che ha coinvolto un’intera equipe di professionisti, coordinata dal personale di Trentino Sviluppo e con la costante consulenza degli esperti di Habitech – Distretto Tecnologico Trentino.
L’edificio, che ospita uffici, mensa, ambulatorio medico ed il nodo della fibra ottica per una superficie complessiva di 2.100 metri quadrati, ospita soluzioni innovative e tecnologiche per una riduzione e razionalizzazione dell’uso delle risorse naturali, come il risparmio energetico del 24,5% attraverso la cura dell’involucro e l’utilizzo di fonti di energia alternativa, la massimizzazione delle superfici verdi e l’utilizzo di materiali per lo più di origine regionale. Ma anche grande attenzione alla qualità ambientale interna, alla diffusione della luce naturale per tutte le postazioni di lavoro e alla mobilità sostenibile grazie a 24 posti bici disponibili.
Se l’obiettivo della committenza era il livello “Argento”, il risultato conseguito è stato il livello “Gold”, grazie a un’attività perseguita con un lavoro di team, composto da Trentino Sviluppo, Habitech come consulente LEED, progettisti (Studio Alessandro Campetti Architetti) e costruttori (Martinatti Costruzioni).
L’edificio ha ottenuto la certificazione LEED GOLD, con un punteggio di 48 punti (37 progettazione, 11 costruzione) così suddivisi:

  • 12 punti nella categoria “Siti sostenibili” (punti di forza, ad esempio, il 100% dell’acqua piovana trattata e infiltrata in sito, il 61,7% di tetto verde, i 1.838 W di potenza luminosa esterna);
  • 5 punti per la “Gestione delle acque” (nessun utilizzo di acqua potabile per scopi irrigui, riduzione del 76,2% dell’uso di acqua per scopi irrigui);
  • 13 punti per “Energia ed atmosfera” (7,5% di energia rinnovabile prodotta in sito, 24,5% la riduzione dei costi energetici);
  • 5 punti per “Materiali e risorse” (40% di materiale di provenienza regionale, 83,8% del materiale di scarto del cantiere deviato a centri di riciclaggio);
  • 9 punti per la ”Qualità ambientale interna” (tutte le postazioni di lavoro sono dotate di controllo individuale del comfort luminoso);
  • 4 punti infine per l’”Innovazione nella progettazione” (100% spazi con illuminazione naturale, riduzione dell’83% dell’uso di acqua potabile).
  • Habitech ha svolto per la committenza  le attività di supporto e assistenza generale al percorso di certificazione LEED e ha contribuito a formare le competenze nel corso dello sviluppo del lavoro attraverso l’esperienza e l’applicazione.
    Al di là degli aspetti tecnici, le imprese e  le maestranze coinvolte nei lavori di costruzione del nuovo complesso hanno sottolineato con soddisfazione come il lavoro in team LEED abbia promosso un atteggiamento costruttivo risultando di fatto motore di crescita professionale per le specifiche competenze di ciascuno.