• Articolo Rennes, 4 aprile 2016
  • La mini casa misura appena 12 mq

    Basta farsi un tè per scaldare la casa passiva zen

  • Usa pannelli isolanti sottovuoto (VIP) per il pavimento e materiali a cambiamento di fase per le pareti. L’inerzia termica garantisce un’escursione interna di meno di 3°C anche quando fuori si passa dai 10° ai 30°C

Basta farsi un tè per scaldare la casa passiva zen

 

(Rinnovabili.it) – Thomas Primault è un ingegnere francese appassionato di cultura giapponese, tanto che la sua abitazione in Bretagna si ispira all’architettura dell’estremo oriente e si trova all’interno di un vero e proprio giardino zen. Così, quando alla sua attività di ingegnere specializzato in isolamento termico si è aggiunta quella di consulente per il design di Passivhaus con il Projet Mizu, quella che doveva restare la stanza del tè si è trasformata nel prolungamento del suo ufficio. Impossibile recuperare altro spazio. Allora Primault ha deciso di progettare una nuova stanza da tè, in legno e con standard di casa passiva, anche questa in stile giapponese.

 

Basta farsi un tè per scaldare la casa passiva zenQuella realizzata è a tutti gli effetti una struttura indipendente rispetto al corpo centrale dell’abitazione, con una superficie di circa 12 mq. Per l’isolamento, Primault ha scelto di non utilizzare alcuna schiuma ma di puntare su altre soluzioni. Per il pavimento, la scelta è caduta sui pannelli isolanti sottovuoto (VIP), composti da uno strato centrale di materiale nanoporoso da cui viene estratta del tutto l’aria, che permettono di ottenere ottime prestazioni per quanto riguarda l’isolamento termico anche con spessori ridotti.

L’efficienza energetica della nuova stanza da tè dipende poi in larga parte dal sistema di isolamento impiegato per le pareti. In questo caso Primault ha optato per materiali a cambiamento di fase, che garantiscono un’elevata inerzia termica. I test effettuati dall’ingegnere certificano che anche a fronte di un’escursione termica esterna notevole, dai 30 gradi di giorno ai 10 gradi la notte, la temperatura interna della sua casa passiva subisce un’escursione di appena 2,5 gradi.

Queste prestazioni permettono di fare a meno dell’impianto di riscaldamento. In effetti, l’unica fonte di calore necessaria a scaldare l’intero ambiente è proprio la teiera: basta questo per compensare le perdite di calore.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *