• Articolo Ottawa, 9 luglio 2015
  • Sostenibilità lontana dalla rete

    Voleva staccarsi dal mondo ma la sua casa off grid diventa virale

  • Il giovane Ing. Joseph Dupuis per due anni ha vissuto nella casa off grid che ha costruito accostando tre container, oggi è diventato famoso e tutti vogliono comprare la sua abitazione sostenibile

Dupuis voleva staccarsi dal mondo ma la casa off-grid diventa virale

 

(Rinnovabili.it) – L’ingegnere di 29 anni Joseph Dupuis voleva un posto per lavorare ai suoi progetti senza farsi distrarre da amici, feste e ragazze. Per questo ha costruito una casa off grid con tre container riciclati in un terreno di proprietà della sua famiglia e ci ha vissuto per due anni in tutta tranquillità.

Un giorno un suo amico fotografo gli chiese di fare qualche scatto e subito la dimora riciclata è diventata un tormentone! La casa off grid è in vendita su kijiji per 58.000 dollari – poco più di 52.000 € – e prima del servizio fotografico aveva poche centinaia di visualizzazioni, in una notte Joseph Dupuis – che si reputa un introverso e voleva staccarsi dal mondo – è stato sommerso da 5.000 mail e 43.000 visualizzazioni all’annuncio.

 

Dupuis voleva staccarsi dal mondo ma la casa off-grid diventa virale

 

Le caratteristiche della casa off grid costruita con i container

La casa a Ottawa di Dupuis ha una grande stanza di 32 mq riscaldata con una stufa a biomassa ed è alimentata da pannelli fotovoltaici – per i quali è stato fatto l’investimento più consistente. Lo spazio è arredato con semplicità ma grazie al parquet scuro, ai mobili candidi e all’aspetto grezzo ma ricercato ha suscitato l’apprezzamento di moltissime persone.

L’investimento iniziale è stato di 20.000 dollari – esclusi i pannelli – e dato che la struttura non è collegata alla rete idrica la casa off grid si rifornisce dal serbatoio di un vicino, ricompensandolo con la legna per il camino.

 

Oggi Dupuis non vive più nella sua casa di container ma la sua scelta, che per due anni lo ha allontanato dalla città e dalle distrazioni, ha suscitato l’interesse di moltissimi che sognano di vivere come lui, che ha dichiarato che la spesa più consistente che ha sostenuto mentre viveva lì era il contratto con la compagnia telefonica.

Staccarsi dalla rete e vivere liberi dalle costrizioni dell’ambiente urbano è un sogno di molti e il boom di visualizzazioni alla casa off grid del giovane ingegnere introverso testimonia che qualcosa sta cambiando e l’amore per la natura, la sostenibilità ed il rispetto per l’ambiente sono il futuro dell’edilizia.

 

Dupuis voleva staccarsi dal mondo ma la casa off-grid diventa virale

2 Commenti

  1. Mario Rossi
    Posted ottobre 16, 2015 at 10:35 pm

    Accidenti un vero genio… diavolo non ci aveva mai pensato nessuno ad usare container come case…. naturalmente voi non conoscete la storia dei GARBAGE WARRIORS ovviamente NO… quelli si sono fatti le case veramente indipendenti e senza container.
    Infatti gli hanno mosso una guerra tremenda in america.

    • stefania
      Posted ottobre 17, 2015 at 3:34 pm

      Direi che Reynolds è un po’ troppo famoso per esserci sconosciuto, e abbiamo spesso parlato di progetti simili, trattando sia dei container usati in edilizia (qui puoi trovare uno dei tanti pubblicati sul tema http://www.rinnovabili.it/greenbuilding/container-riciclati-10-progetti-876/ ), sia proprio dell’earthship, o, più in generale, delle case passive ottenute dal riciclo.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *