• Articolo Kermanshah, 15 gennaio 2016
  • La proposta di un gruppo di architetti iraniani

    Centrali termoelettriche anti smog per nuovi quartieri verticali

  • CypherCO2ling Plant è il progetto che intende trasformare le torri di raffreddamento delle centrali termoelettriche in quartieri verticali verdi anti smog

Centrali termoelettriche antismog per quartieri verticali

 

(Rinnovabili.it) – Cypher CO2 ling Plant è il progetto che intende stravolgere l’idea che abbiamo delle centrali termoelettriche. Questi edifici dall’aspetto sgradevole e dal rumore fastidioso potrebbero diventare un valore aggiunto nell’ambiente cittadino, torri di servizi e vegetazione anti smog che migliora la qualità dell’aria intorno alla centrale.

Il progetto di Kawan Golmohamadi, Shilan Golmohamadi, e Soàd Moarefi propone di tappezzare con terrazze le torri di raffreddamento per trasformarle in giardini verticali che ospitano abitazioni e vegetazione. I colossi di cemento, alti fino a 200 metri, servono unicamente ad esaurire il calore di scarto della centrale termoelettrica. Questo calore nel progetto Cypher CO2 ling Plant viene utilizzato per riscaldare le abitazioni che tappezzano la superficie delle colonne, dall’altezza che può raggiungere quella di un palazzo di sessanta piani.

 

Centrali termoelettriche antismog per quartieri verticali

 

Il progetto per le torri ad uso misto anti smog

Mentre il generatore di energia è posizionato in una struttura ipogea le torri di raffreddamento delle centrali termoelettriche diventano piccoli quartieri verticali, con spazi lavorativi, residenziali e servizi. Questi polmoni verdi anti smog servono a filtrare la CO2 e le sostanze inquinanti generate durante il processo di combustione, restituendo aria pulita all’ambiente circostante.

La proposta riesce in modo interessante a snaturare la centrale termoelettrica tradizionale e nell’attesa di un futuro completamente rinnovabile cerca di attenuare l’impatto visivo, acustico ed ambientale dei mostri di cemento che portano l’energia nelle case di molti comuni.

Inoltre la vicinanza tra i “grattacieli verdi” ed il generatore sotterraneo ridurrebbe la quota parte di energia che viene sprecata durante il tragitto tra impianto ed utente. Sul cono delle torri di raffreddamento potrebbero nascere anche percorsi per fare sport immersi nel verde del bosco verticale. Piste ciclabili a spirale, passeggiate panoramiche e parchi sospesi diverrebbero un servizio per la comunità che ha sempre “subito” i colossi di cemento.

 

Centrali termoelettriche antismog per quartieri verticali

2 Commenti

  1. GABRIELLA CAMONI
    Posted aprile 2, 2018 at 10:37 am

    Ottimo concetto. Oltre a crearle intorno alle torri, come viene proposto, nella parte interna potrebbero essere predisposti dei centri commerciali, di svago o uffici commerciali o magazzini.

  2. GABRIELLA CAMONI
    Posted aprile 2, 2018 at 11:17 am

    La proposta mi sembra ottima. Mi sembrerebbe anche una buona idea se al posto delle torri si creasse una struttura dove mettere all’interno centri commerciali, centri ricreativi, ambienti d’istruzione e sportivi, uffici, magazzini, centrale di sicurezza, centri di cure sanitarie (almeno di primo soccorso), ecc.. Vorrei che intorno fosse più modulato. Simile alle colline dell’appennino Italiano, con architetture simili ai paesini collinari Italiani, comprese le sue chiesette o altri culti spirituali. Vorrei che si creasse un parco a disposizione delle altre creature che abitano la terra e dove uccelli possano nidificare. Ci vorrebbero anche spazi per piccole attività agricole. Un sogno? E’ realizzabile? Non lo sò.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *