• Articolo Bodrum, 19 giugno 2013
  • Gli architetti dello studio A++ saranno gli autori del progetto per la Turchia

    Come ti trasformo i container in un ecovillaggio

  • Un Ecovillaggio ad alta efficienza, realizzato recuperando i container inutilizzati del porto di Istanbul per trasformarli in Edifici ad Energia Zero, a basso costo e basso impatto ambientale.

Ecovillaggio1

 

(Rinnovabili.it) – Ancora pochi mesi e  potremo assistere alla nascita di un nuovo esclusivo Ecovillaggio, ad alta efficienza e basso costo, composto solo di edifici ad energia zero (NZEB) originati a partire da un semplice container.

 

Siamo in Turchia, a Bodrum, dove il team internazionale di A++ è stato chiamato dal Governo turco per trovare un rimedio valido e, soprattutto a basso impatto ambientale, alla crescente richiesta di alloggi.

La scelta di sfruttare la struttura metallica dei container per costruire gli edifici NZEB (Net Zero Energy Building) del nuovo ecovillaggio, non è assolutamente casuale; si stima che nel solo porto di Istanbul si accumulino migliaia di container inutilizzati e lasciati marcire nelle discariche, dato che negli ultimi anni è diventato più economico comprare strutture nuove piuttosto che rispedire i vecchi container al mittente.

Recuperare queste strutture per il settore delle costruzioni permetterebbe perciò di risolvere sia il problema del degrado ambientale che la richiesta di alloggi, risparmiando anche in termini economici sul materiale necessario per la costruzione, una tendenza che si sta lentamente diffondendo in tutto il mondo, moltiplicando gli esempi concreti di progetti pilota di abitazioni ad alta efficienza realizzate sfruttando container inutilizzati.

 

Eco Housing in classe A+

ecovillaggio

 

Nessun vincolo di forma o dimensione, l’idea progettuale elaborata dal team di architetti si baserà sulla modularità e la flessibilità degli ambienti e dei singoli edifici NZEB dell’Ecovillaggio.

Un involucro ad alta efficienza per assicurare il giusto comfort interno, risparmiando sui consumi, elevato isolamento, ampie vetrate con tripli vetri a basso consumo, schermature solari mobili in legno da apporre all’esterno per abbattere il guadagno solare, sono alcune delle scelte passive che trasformeranno i container in “Edifici ad Energia Quasi Zero”.

Ovviamente tutte le villette dell’ecovillaggio saranno dotate di sistemi per la produzione di energia pulita in loco, affidandosi prevalentemente a fotovoltaico, solare termico ed a sistemi per il recupero di calore.