• Articolo Londra, 20 settembre 2012
  • Progettato dagli architetti Wilkinson Eyre Architects il polo tecnologico è costato 35mln di euro

    Efficienza Cristallina

  • Terminata la costruzione di The Crystal, uno degli edifici più sostenibili al mondo, certificato LEED e BREEAM, realizzato con il contributo di Siemens e dedicato allo sviluppo urbano sostenibile

Il 29 settembre a Newham in Londra, ci sarà l’inaugurazione di quello che si prospetta essere uno degli edifici più sostenibili del mondo sia per i contenuti che per la struttura stessa.

Si tratta di The Crystal, un edificio a forma di cristallo progettato dagli architetti di Wilkinson Eyre Architects in stretta collaborazione con Siemens, dedicato allo sviluppo urbano sostenibile e dotato di uno spazio conferenze, una piattaforma per il dialogo sulle città, un polo tecnologico e un centro per l’innovazione che farà incontrare i decision makers politici, gli esperti in infrastrutture e il pubblico in generale per sviluppare idee vincenti per le città del futuro. La costruzione del “Crystal“, costato 35 mln di euro, è durata un anno e mezzo e si estende per 6.300 mq negli storici Royal Victoria Docks di Londra.

L’area espositiva dedicata alla sostenibilità urbana più grande al mondo guiderà i visitatori lungo una mostra interattiva, dove potranno toccare con mano le soluzioni più innovative ed efficaci per migliorare la qualità della vita nelle città rendendole nello stesso tempo più rispettose dell’ambiente. Il contributo di Siemens sarà visibile soprattutto all’interno del laboratorio di ricerca, dove i tecnici ed i professionisti del Settore Infrastructure & Cities si dedicheranno all’individuazione delle risposte adatte alle esigenze delle città del futuro, con particolare attenzione al settore del trasporto, alle reti elettriche, al rifornimento idrico ed ovviamente, al comparto edifici.

“Il nostro mercato di riferimento da solo ha un volume d’affari di circa 300 miliardi di euro. In un contesto di crescita come questo, il Crystal ci aiuterà a intensificare il dialogo con i nostri clienti diventando così la vetrina, il punto di contatto e il cervello del nostro Settore”, ha evidenziato Roland Busch, membro del Managing Board di Siemens e CEO mondiale del Settore Infrastructure & Cities di Siemens.

“Le città sono i motori dell’economia mondiale e da loro deriva il più grande impatto sull’ambiente. Lo sviluppo del nostro pianeta è legato indissolubilmente allo sviluppo delle città. Con una prospettiva sul futuro dell’urbanizzazione, il Crystal mostrerà una vasta gamma di opportunità e soluzioni concrete,” ha dichiarato il Presidente e CEO Mondiale di Siemens Peter Loescher alla cerimonia d’apertura.

Un cuore green

Green nei contenuti e nel cuore, The Crystal è inoltre un esempio concreto di efficienza energetica battendo tutti i record precedenti e confermandosi una delle strutture più tecnologicamente avanzate nonchè meritevole dei livelli più alti dei due protocolli di certificazione BREEAM e LEED, rispettivamente Outstanding e Platinum.

Tutti i bisogni energetici sia per il raffrescamento che per il riscaldamento dell’edificio saranno soddisfatti grazie all’impiego di fonti rinnovabili arrivando a risparmiare fino al 50% dei consumi ed emettendo il 65% in meno di CO2 (solo 23kg/CO2/mq/anno) rispetto ad un edificio equivalente.

  • Energia solare: i pannellli fotovoltaici copriranno i due terzi della copertura e saranno in grado di soddisfare il 20% delle richieste elettriche, il solare termico sarà invece destinato alla produzione di ACS;
  • Geotermia: le due pompe geotermiche in dotazione all’edificio soddisferanno contemporaneamente le esigenze di riscaldamento e di raffrescamento;
  • Acqua piovana: un bacino di raccolta recupererà le acque meteoriche pretrattandole e mettendole a disposizione per usi sanitari e per l’irrigazione delle aree verdi circostanti, inoltre anche le acque nere verranno reimpiegate dopo un adeguato trattamento, per reintrodurle nel circuito degli scarichi dei bagni;
  • Luce naturale: come si percepisce dal nome stesso, l’edificio sarà un vero e proprio cristallo che permetterà all’illuminazione naturale di penetrare nell’edificio minimizzando le necessità di luce artificiale comunque a basso consumo e al LED;
  • Smart Building: la domotica assumerà un ruolo importantissimo per l’efficienza energetica dell’edificio, trasformando il centro di controllo in un vero e proprio “cervello” artificiale che sarà in grado di spartire l’energia dove più richiesta, riducendo i consumi per aumentare il confort e l’efficienza;
  • E-Car: all’esterno della struttura saranno messe a disposizione di visitatori e dipendenti numerose colonnine di ricarica per i veicoli elettrici, valorizzando soluzioni di trasporto sostenibile.

Per quanto riguarda gli uffici, il Crystal è studiato in modo da consumare una media di 83 kWh/mq/anno abbattendo consumi ed emissioni. Al suo interno troverà spazio la più grande esposizione pubblica al mondo dedicata al futuro delle città, per altro nuova sede del Centro di Competenza Mondiale sulle Città di Siemens.