• Articolo Bologna, 4 novembre 2011
  • Quarto Concorso nazionale sulle eccellenze italiana lanciato da INU e dal Ministero dell’Ambiente

    Energie sostenibili nelle città: premiate le eccellenze urbane ed architettoniche

  • Sostenibilità energetica, pianificazione integrata e gestione sostenibile del territorio, edilizia efficiente ed eco quartieri. Questi i temi del prossimo evento UrbanPromo 2011 di Bologna.

(Rinnovabili.it) – Nel corso della prima giornata dell’evento Urbanpromo 2011 in mostra a Bologna a partire dal 9 novembre, verranno premiati i finalisti del 4° Concorso Nazionale “Energie sostenibili nelle città”, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dedicato alle amministrazioni pubbliche che hanno saputo investire in ambito cittadino, a favore di una pianificazione intelligente delle risorse e del tessuto cittadino. Il Concorso nato nel 2008, si inserisce nella vasta campagna lanciata dalla Commissione Europea, SEE – Sustainable Energy Europe, e volta a sostegno degli obiettivi comunitari di riduzione delle emissioni nocive fissati per il 2020.

Le aree tematiche affrontate dal concorso sono tre, appartenenti rispettivamente al settore della pianificazione urbanistica, delle nuove costruzioni e della riqualificazione energetica:

  • “Piani e Metodologie” dedicato ai progetti che hanno adottato strategie urbanistiche di controllo delle problematiche ambientali ed energetiche, volte ad un governo del territorio più efficiente, anche in termini di domanda e di offerta di energia.
  • Progetti urbani energeticamente sostenibili” orientato ai progetti che hanno saputo valorizzare la ricerca di sostenibilità ed efficienza, a favore del comporta urbano ed edilizio, volte al risparmio, alla riduzione dei consumi ed al miglioramento nella gestione del capitale energetico delle città.
  • “Urbanpromo Sustainable Energy”, una mostra delle migliori proposte presentate nell’ambito dell’evento annuale di marketing urbano e territoriale.

I finalisti della prima sezione “Piani e metodologie”, selezionati per le loro eccellenze sono:

  • il Comune di Carugate, con il progetto “Costruire una nuova città”. La scelta è ricaduta sul Comune milanese, per aver proposto all’interno del Regolamento Edilizio, azioni coordinate con i comuni limitrofi, in piena attuazione del patto dei Sindaci; facendo particolare attenzione alle attività di monitoraggio sugli interventi edilizi con destinazione industriale e sulle infrastrutture.
  • Il Secondo premio è andato al Comune di Padova per il progetto “Padova Solare”, per aver attuato una serie di azioni concrete locali volte alla sostenibilità energetica degli interventi edilizi, utilizzando fonti rinnovabili, e coinvolgendo i cittadini, in piena attivazione di quanto prescritto dal Patto dei Sindaci per il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile.
  • Il terzo comune segnalato è Modena, con il “Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale e Piano Programma Energetico Provinciale di Modena”, per aver attuato nell’ambito del PTCP, politiche di mitigazione ambientale e di difesa del suolo, sia di risparmio energetico che per la produzione di energia da fonti rinnovabili, in un’ottica innovativa ed a scala comunale.
  • Menzione speciale è andata alla Regione Abruzzo, per la La gestione del Patto dei Sindaci in Abruzzo: una regione per il Covenant”, per aver predisposto uno strumento di programmazione e “governance” che prende in considerazione le più recenti disposizione europee in materia di sostenibilità ambientale e risparmio energetico, coordinando le 4 Province e tutti i Comuni del territorio regionale in una pianificazione d’area vasta.

Nell’ambito della seconda sezione “Progetti urbani energeticamente sostenibili”, le nominations sono andate a :

  • Goldmann & Partners con il progetto “AIDA – come sei verde”, un progetto di edificio in Classe A+, capace di integrare flessibilità, contenimento dei consumi, praticabilità economica e replicabilità del progetto.
  • Tasca Studio Architetti Associati con il “Laboratorio di urbanistica partecipata, piano particolareggiato d’iniziativa pubblica e opere di urbanizzazione area ex mercato ortofrutticolo – Bologna”, un progetto di riqualificazione riguardante un importante brano di città, avvalendosi di una pianificazione integrata che include anche la tipologia dei finanziamenti e la partecipazione attiva dei cittadini alle scelte progettuali di sostenibilità energetica ed ambientale.
  • Comune di Bolzano con il “Piano di attuazione Zona di Espansione C2 – viale Druso”, un importante iniziativa di parternariato tra pubblico e privato, volta a predisporre un eco quartiere modello reiterabile sul territorio.

Diverse le menzioni d’onore individuate dalla Commissione ed inerenti alla seconda sezioni del Concorso tra le quali Urban01 con il progetto “ZONA CLIMA: piano attuativo per il recupero dell’ex caserma De Cobelli a Brunico”; Faenza con il “Programma integrato di promozione di edilizia residenziale sociale e di riqualificazione urbana – Nuovo ecoquartiere in cohousing e ristrutturazione di un grande complesso degli anni ’70” e Cooperativa di Abitazione UNICA con la “Progettazione di due edifici nel comune di Tavarnelle Val di Pesa”.

Grande attesa dunque per la scelta del vincitore assoluto delle diverse sezioni, che verrà premiato il giorno 9 in occasione dell’innaugurazione dell’evento UrbanPromo 2011 di Bologna.