• Articolo Iskandar, 4 febbraio 2016
  • L’ambizioso progetto prevede 40 miliardi di dollari di investimento

    Forest City, in Malesia il tetto verde da record

  • La città green è progettata in armonia con l’ecosistema, protegge mangrovie e piante acquatiche, prevede soluzioni resilienti contro l’innalzamento del livello del mare e mette al bando le auto

Forest City, in Malesia il tetto verde da record

 

(Rinnovabili.it) – Una rete di parchi e giardini sospesi interconnessi da lunga chilometri per il tetto verde che frantuma ogni record. Un design che preserva una relazione simbiotica tra uomo e ambiente naturale. Sulle quattro isole artificiali di Iskandar, in Malesia, sta per sorgere la città green gioiello del sud-est asiatico. Il masterplan stima un investimento di oltre 40 miliardi di dollari per questo mastodontico progetto disegnato dallo studio Sasaki.

Si chiama Forest City questa città giardino e potrebbe diventare l’hub finanziario, commerciale e culturale più green al mondo. Al suo interno ospiterà infatti istituzioni finanziarie, laboratori di ricerca e sviluppo hi-tech, uffici. Sarà collegato alla terraferma da linee di metropolitana leggera e traghetti e avrà caratteristiche tali da preservare l’ecosistema dell’area.

 

Il tetto verde da record e la resilienza di Forest City

Forest_City_05Nove chilometri di mangrovie, dieci di litorale con le tipiche insenature poco profonde e fangose, 250 ettari di piante acquatiche come la posidonia e altra flora marina. Questo ecosistema sarà preservato dal design della città, anche per non danneggiare l’economia della regione costiera che in quel punto si basa principalmente sulla pesca. Oltre a mantenere la sostenibilità ecologica, il progetto prevede anche alcune misure per migliorare la resilienza contro l’aumento del livello del mare.

Nonostante le dimensioni, Forest City sarà anche a misura di piede. Prima di tutto grazie al tetto verde più esteso al mondo. Sarà composto da una rete di parchi e giardini interconnessi fra loro, che permetteranno di spostarsi senza soluzione di continuità per chilometri da un edificio all’altro senza scendere al livello del terreno. Particolare attenzione è stata posta anche alla mobilità in superficie. Le auto saranno bandite, al loro posto ci sarà un’offerta diversificata di sistemi di trasporto pubblici e un elevato numero di collegamenti pedonali tra le stazioni principali e i centri a più alta densità abitativa dei dintorni. Tra gli altri aspetti più green, il progetto prevede anche un sistema di filtraggio delle acque piovane.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *