• Articolo Zurigo, 20 gennaio 2012
  • Prevista per arpile 2012 la premiazione dei primi tre classificati

    Global Holcim Awards: i progetti più sostenibili del mondo

  • 53 i progetti provenienti da tutto il mondo che parteciperanno al concorso internazionale. Tra i 15 concorrenti principali, anche il progetto di riqualificazione del viadotto autostradale di Reggio Calabria

(Rinnovabili.it) – E’ giunto alla fase finale il concorso per il premio internazionale Global Holcim Awards 2012, esteso a livello mondiale a tutti i progetti innovativi ed orientati al futuro, che hanno saputo superare il tradizionale concetto di sostenibilità edilizia,investendo a favore dell’integrazione sociale, economica ed ecologica dei progetti.

Sono solo 15 i progetti che si sfideranno per il premio finale provenienti da diversi Paesi di tutto il mondo: Belgio, Brasile, Burkina Faso, Canada, Chile, Germania, Malesia, Messico, Maroco, Pakistan, Palestina, Tailandia e Stati Uniti, coadiuvati da team progettuali di Austria, Francia, Spagna e Regno Unito e Italia.

Di particolare interesse è il progetto destinato all’Italia e concepito da un team francese. Si tratta della residenze “Nest for European Snowbirds”, già vincitore del concorso legato alla realizzazione del Parco Solare Sud, per la riqualificazione di un viadotto autostradale dismesso collocato a Reggio Calabria. La squadra composta da Philippe Rizzotti e Off Architecture ha immaginato di trasformare gli ormai inutilizzati piloni di sostegno del ponte, per farne una serie di residenze verticali completamente autosufficienti e dotate di tutti i servizi necessari. I lavori dovrebbero cominciare per giugno di quest’anno e prevederanno il preventivo rinforzo della struttura in cemento armato, per creare una serie di piattaforme orizzontali sopraelevate, dove verranno inserite le unità residenziali, le unità commerciali ed i servizi tecnologici, ricreando un specie di città verticale.

Oltre a fornire una vista mozzafiato ai futuri abitanti di queste residenze, il progetto è stato selezionato per le sue potenzialità energetiche e per il contenimento dei costi complessivi che, non prevedendo l’abbattimento del ponte, si riducono notevolmente. Un generatore geotermico preleverà l’energia dal sottosuolo per trasferirla alle abitazioni, l’acqua piovana, dopo essere stata raccolta, verrà purificata e re immessa nella rete dei servizi igienici, inoltre l’utilizzo futuro della fitodepurazione del riciclo dei rifiuti, consentirà la copertura totale di consumi energetici, anche grazie ad un impianto a biomassa.

Il vincitore del Global Holcim Awards sarà annunciato ad Aprile 2012 al quale si aggiungerà il premio per il Global Holcim Innovation, che vedrà protagonisti i progetti menzionati nella categoria principale ed i progetti selezionati nella categorian Next Generetion, riservata agli studenti.