• Articolo Vancouver, 5 aprile 2013
  • Il Visitor Centre di Vanvouver è primo edificio del Canada ad aver ricevuto la certificazione Living Building Challenge

    Vancouver: un giardino botanico ad energia e consumi zero

  • Un eccellenza architettonica per il centro visitatori del Giardino botanico di Vancouver alimentato solo da energia rinnovabile, dove il sinuoso tetto giardino mimetizza l’edifico al contesto naturale

 

 

(Rinnovabili.it) – E’ il VanDusen Botanical Garden Visitor Centre di Vancouver, il primo green building del Canada ad aver raggiunto lo standard energetico richiesto dal Living building center la certificazione internazionale più ambiziosa, superando ampiamente lo status energetico e ambientale del LEED Platinum.

Un esempio concreto di architettura ad energia quasi zero neutral carbon, il Visitor Center progettato da Perkins+Will in partnership con Sharp & Diamond Landscape Architecture, dove i 1.765 mq della struttura sono alimentati esclusivamente da energia rinnovabile.

 

 

Strategie sostenibili


 

Numerosi sono gli accorgimenti tecnologici che permettono alla struttura di raggiungere la massima efficienza a consumi zero, a partire dalle soluzioni impiantistiche sino alle scelte progettuali adottate per costruire l’involucro.

 

ENERGIA PULITA – Il design incorpora 400 collettori solari per acqua calda (176.000 kWh), 75 mq di moduli fotovoltaici (11.000 kWh) e 54 pozzi geotermici a 60 metri di profondità. Una caldaia a biomassa, alimentata dai rifiuti organici, contribuisce ad integrare le esigenze di acqua calda sanitaria aabbattendo ulteriormente i consumi.

 

RISPARMIO IDRICO – Una cisterna da 300.000 litri raccoglie l’acqua piovana, depurandola per poi renderla disponibile per l’irrigazione del giardino botanico e per i servizio igienici. Un bioreattore permette di trattare e filtrare le acque nere, riutilizzandole per la concimazione dei giardini.

 

GREEN ROOF – Le sinuose coperture ondulate del Visitor Center, si mimetizzano perfettamente al paesaggio circostante, grazie soprattutto al verde pensile che le ricopre solo con piante autoctone.

 

INVOLUCRO PASSIVO – La struttura prefabbricata in legno permette di ridurre le emissioni di CO2 rispetto alle costruzioni tradizionale in laterizio o cemento, inoltre un sistema per la ventilazione naturale associato ad un camino solare, mantiene la temperatura interna sotto controllo eliminando i costi energetici per la climatizzazione. Tutti i materiali sono naturale e perfettamente riciclabili alla fine della loro vita, puntando prima di tutto sul l’equilibrio tra architettura umana e paeswaggio naturale.