• Articolo Marne-la-Valleé, 18 febbraio 2015
  • Coerenza tra contenuto ed involucro

    Green roof ondulato per il campus che si mimetizza nel prato

  • I Pargade Architects hanno recentemente aperto a Marne-la-Vallée il campus sostenibile e mimetizzato dal green roof ondulato che ha ottenuto la certificazione BBC

Green roof ondulato per il campus che si mimetizza nel prato

 

(Rinnovabili.it) – Il progetto di Jean-Philippe Pargade Architects per il Pole Scientifique et Tecnique Paris Est (PST) è coperto da un green roof continuo ondulato che lo mimetizza all’interno del parco che lo circonda.

L’edificio, coperto da un’onda di cemento armato che sorregge il verde pensile, è stato progettato con la massima attenzione ai consumi energetici e ai principi della bioclimatica. Le pareti vetrate sono esposte a sud con un sistema di recupero dell’energia mentre quella nord è isolata e con poche bucature. Il campus è pensato per favorire la ventilazione naturale e recuperare l’acqua piovana. Grazie a queste strategie progettuali il polo scientifico ha ottenuto la certificazione BBC, che garantisce un consumo energetico inferiore a 50 kWh/m2/anno ed emissioni inferiori a 5 kg CO2 equivalente all’anno.

 

Green roof ondulato per il campus che si mimetizza nel prato

 

Il campus che occupa un’area di 35.300 mq ha un green roof calpestabile, percorribile a piedi dalla piazza che lo collega agli altri edifici del campus. Il piano terra è pensato come un’area polifunzionale che riunisce tutte le funzioni comuni: biblioteca, ristorante, auditorium, laboratori e sale riunioni. Questi ambienti nella parte alta dell’onda sono a doppia altezza e all’interno le ampie vetrate permettono la vista del grande parco parigino in un’atmosfera luminosa e rilassante. Una fessura divide la copertura ondulata in due parti, permette di passeggiare tra le due vetrate e di illuminare in modo naturale la parte interna dell’edificio.

 

domus-13-concrete-wave

 

Il blocco degli uffici, alto sette piani e raggiungibile dall’edificio ondulato tramite un passaggio ipogeo, è situato su Viale Newton e permette l’indipendenza di ogni disciplina.

Il polo scientifico e tecnico di Parigi è un esempio di architettura che sa unire funzionalità, efficienza e tutela del territorio. Con un impatto visivo minimo riesce a collegare gli edifici didattici dotando gli studenti di preziosi spazi comuni in cui studiare, mangiare e conoscersi rispettando l’ambiente e limitando le emissioni. Il progetto ha saputo esprimere la coerenza tra contenuto ed involucro visto che all’interno dell’onda verde eco-friendly gli studenti effettuano ricerche sull’innovazione sostenibile.

 

Green roof ondulato per il campus che si mimetizza nel prato

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *