• Articolo Oxford, 29 marzo 2012
  • Servono ulteriori finanziamenti per produrre il primo progetto pilota

    Il vetro solare che trasformerà i grattacieli in centrali elettriche

  • L’ultima sperimentazione della Oxford University per le facciate vetrate, combina le prestazioni del fotovoltaico a film sottile con un colorante fotosensibilizzato, per azzerare completamente la richiesta energetica.

(Rinnovabili.it) – Uno dei più importanti team di ricerca della Oxford University, il laboratorio Oxford Photovoltaics (PV), ha recentemente presentato l’ultima innovativa sperimentazione di “vetro solare” che, se applicato alle facciate dei grattacieli, potrebbe addirittura garantire la copertura totale delle richieste energetiche tecnologiche e di illuminazione.

Si tratta di una soluzione innovativa che combina il colorante base delle celle fotovoltaiche a film sottile, con le applicazioni del vetro colorato fotosensibilizzato, consentendo simultaneamente di produrre energia. Questa tecnologia permetterebbe di realizzare superfici colorate di ogni tipo venendo incontro alle esigenze estetiche di architetti e costruttori, fornendo contemporaneamente, una soluzione flessibile per la produzione di energia solare.

“Grazie alla nostra sperimentazione possiamo stampare gli ossidi metallici che attivano il processo, il colorante ed i polimeri direttamente sul vetro” ha affermato Kevin Arthur capo esecutivo della società, “la luce solare reagisce direttamente con il colorante, creando una forma di correte elettrica che raccogliamo in due terminali, esattamente come accade per le batterie standard”.

Per passare dalla fase sperimentale alla produzione servono però ulteriori fondi, che il team di ricercatori spera di riuscire a raccogliere grazie alla presentazione del prodotto oltreoceano nell’ambito del progetto del Regno Unito “Clean and Cool Mission”, aumentando i 3,5 mln di sterline attualmente a disposizione, con ulteriori finanziamenti per realizzare finalmente un progetto pilota completo. “Al momento siamo in grado di produrre celle solari da 10 per 10 cm, ma vogliamo passare ad una completa linea di produzione con pannelli di dimensioni superiori, per arrivare alla prima serie commercializzabile entro il secondo trimestre del 2013”.

I vantaggi di questo nuovo “vetro solare” sono diversi, primo fra tutti il costo di produzione inferiore rispetto alle tradizionali tecnologie fotovoltaiche, che secondo le previsioni fatte dalla società potrebbe aggirarsi attorno ai 35 centesimi per watt. Inoltre il sistema consentirebbe di traformare qualsiasi facciata, anche di dimensioni elevate, in una fonte di energia. Tuttavia, una delle critiche più frequenti che è stata rivolta al prodotto, è legata all’inferiore livello di efficienza di conversione energetica del modulo fotovoltaico a film sottile  alla base della sperimentazione, rispetto al più tradizionale silicio policristallino. A queste perplessità la società inglese ha risposto a suon di dati, assicurando che, nonostante valori di efficienza relativamente bassi, la copertura di grandi superfici con vetro solare, permetterebbe comunque di coprire interamente i consumi.

“Le cifre parlano – ha concluso Arthur – attualmente il 60% degli edifici ricoperto da vetro. Se la nostra tecnologia venisse estesa all’intero comparto, potremmo ottenere risultati incredibili, lo dimostrano le ricerche: da un grattacielo da 220 metri collocato ad esempio in Texas e ricoperto interamente con “vetro solare”, potremmo generare fino a 5,3 MWh al giorno, sufficienti ad esempio per alimentare 52.000 iPad, che se affiancato ad un’efficiente sistema di illuminazione al LED, renderebbe l’edificio praticamente indipendente”.