• Articolo Pittsburgh, 21 giugno 2013
  • Una ricerca condotta dall'Università di Pittsburgh

    Lets the sunshine in! Vivere meglio con la luce naturale

  • Se lavoro in un luogo con una buona illuminazione naturale vivi meglio e dormi di più. Le superfici trasparenti intelligenti che fanno bene alle persone, all’ambiente ed all’economia.

illuminazione naturale(Rinnovabili.it) – Accanto all’importanza dei materiali, una delle caratteristiche che contraddistingue un progetto di bioedilizia è la qualità degli spazi, dove l‘illuminazione naturale è sicuramente una delle componenti più importanti.

 

Un recente studio condotto dall’Università di Pittsburgh su un campione di 49 impiegati, 27 collocati in uffici senza finestre e 22 situati in stanze illuminate di luce naturale, ha permesso di quantificare i reali benefici guadagnati dai secondi. Secondo la ricerca, coloro che lavorano in ambienti con illuminazione naturale ricevono complessivamente il 173% in più di luce solare, con ricadute evidenti sulla qualità e la durate delle ore di sonno degli stessi che dormono in media 46 minuti in più.

Di certo non serve uno studio per dedurre che l’illuminazione naturale è indispensabile per l’uomo, tuttavia si tende spesso a sottovalutare gli effetti della prolungata permanenza negli ambienti di lavoro, poco illuminati, privi di un regolare ricambio d’aria o, ancora peggio, costruiti materiali insalubri dove la presenza dei VOC – composti organici volatili non può essere trascurata.

 

 I benefici dell’illuminazione naturale 

 

illuminazione naturaleAvendo intrapreso il cammino che porterà l’intero patrimonio costruito verso la trasformazione in “Edifici ad energia quasi zero” come stabilito dalla direttiva europea, la riqualificazione delle strutture sia residenziali che d’ufficio porterà inevitabilmente ad intervenire anche sugli elementi trasparenti. La scelta migliore sarebbe ovviamente quella di sostituire i vecchi infissi con elementi trasparenti ad alta efficienza e basso consumo, come i vetri basso emissivi o a controllo solare, dotando tutti gli ambienti di un affaccio diretto verso l’esterno e quindi di illuminazione naturale.

Quindi la scelta di massimizzare l’illuminazione naturale nella bioedilizia produce innumerevoli benefici: fa bene all’ambiente, risparmiando CO2 grazie alla sostituzione dei vecchi infissi con vetri basso emissivi; fa bene alla salute degli abitanti, migliorando la qualità delle ore trascorse all’interno degli edifici e la durata del sonno di coloro che possono beneficiare dell’illuminazione naturale; fa bene alle tasche grazie al risparmio energetico sui consumi elettrici per l’illuminazione e sui consumi termici per la climatizzazione.