• Articolo Roma, 1 aprile 2016
  • Filtri naturali per la casa

    Inquinamento domestico, tutti i vantaggi green delle piante da interno

  • Elettrosmog, benzene, formaldeide: per combattere questi inquinanti in modo efficace basta avere l’accortezza di scegliere la pianta giusta per ogni stanza

inquinamento domestico

 

(Rinnovabili.it) – Polveri sottili, ozono e ossidi di azoto fanno la qualità dell’aria che respiriamo per le strade. Ma le mura di casa, purtroppo, non sono un confine invalicabile. Per combattere l’inquinamento domestico ci sono strategie a basso costo e molto efficaci, ad esempio una barriera verde di piante da interno. Sì, le piante: ma quali? L’importante è saper scegliere, sapendo che per ogni stanza esistono specie e varietà più indicate.

 

Le migliori piante per combattere l’inquinamento domestico

 

Inquinamento domestico, tutti i vantaggi green delle piante da internoIn cucina occhio alla formaldeide

Tra gli inquinanti dannosi per la salute bisogna fare attenzione alla formaldeide. Non tanto perché presente in resine usate nei rivestimenti e nelle schiume isolanti, quanto perché viene prodotta anche dai fornelli a gas. Il modo migliore per combatterla è trovare spazio in cucina per la felce di Boston. Questa pianta è in assoluto il migliore alleato: è in grado di rimuovere la formaldeide dall’ambiente anche a un tasso di 20 microgrammi per ora.

In alternativa, anche se meno efficace, si può puntare sull’Epipremnum Aureum (il nome comune è Potos), che contrasta le emissioni di formaldeide ed è adatta anche a luoghi con luminosità scarsa. Magari in abbinamento con la Dracaena Fragans, che emette ossigeno di giorno e rimuove dall’aria lo xilene e il tricloroetilene, oltre a difendere dal fumo di sigaretta.

 

Inquinamento domestico, tutti i vantaggi green delle piante da internoLa “suocera” in camera da letto

Per questa stanza la scelta più adatta riguarda le piante che rilasciano ossigeno la notte. Un ottimo acquisto è la sanseveria, conosciuta anche come “Lingua di suocera”. Questa specie imparentata con l’agave è molto efficace nel depurare l’aria e anche nel combattere l’elettrosmog. Chi preferisce soluzioni più comuni può scegliere una semplice orchidea o l’aloe vera, che assorbe anche vapore acqueo.

 

Tillandsia CyaneaIl bagno senza umidità

L’aloe è indicata anche tra la doccia e il lavandino. In particolare quella Barbadensis, che assorbe benissimo il vapore acqueo. Controindicazione: vuole molta luce. In alternativa c’è la Tillandsia Cyanea che combatte anche elettrosmog, toluene e ammoniaca, che è presente in gran quantità nel bagno di chi fa largo uso di detergenti.

 

inquinamento domesticoFicus e bambù in soggiorno

Queste due piante sono le più indicate per la zona giorno della casa. Il comunissimo Ficus benjamino filtra anche il benzene oltre alla formaldeide. Ma la palma di bambù è forse la più indicata: cresce all’ombra ed è uno dei migliori filtri naturali per benzene e tricloroetilene.

Un Commento

  1. laura
    Posted aprile 7, 2016 at 7:28 pm

    Mi piace il vostro sito, vorrei suggerimenti per un utilizzo domestico di mezzi di risparmio energetico, piccole strutture,ad esempio per le case di campagna.o moduli per serra autosufficiente, o aggiugngere una stanza
    alla casa con pannelli che non disperdano calore, ma anzi aiutino il resto della casa o la nuova stanza della caldaia che diventa essa stessa fonte di energia, fantascenza?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *