• Articolo Bonn, 20 giugno 2012
  • Consumi e tasso di urbanizzazione destinati a crescere da qui al 2030

    IRENA: le città diventino energeticamente più efficienti!

  • Le prospettive dei centri urbani di tutto il mondo impongono un cambio di tendenza nei consumi, nei modi di gestire e sfruttare le risorse e nelle politiche urbanistiche da implementare

(Rinnovabili.it) – Quali sono le strategie che possono essere implementate per rendere le città più sostenibili? È l’argomento di cui si è discusso nella sessione speciale dell’Energy Day nell’ambito di Rio+20, moderata dal Direttore della International Renewable Energy Association (IRENA) Innovation Technology Centre, Dolf Gielen. I numerosi esperti in materia che hanno preso parte all’evento hanno comparato i consumi energetici dei centri urbani con i dati sul tasso di urbanizzazione e sono pervenuti a conclusioni che di sostenibile hanno ben poco. Secondo le stime dell’ONU, infatti, le città assorbirebbero tra il 65% e il 70% dei consumi energetici globali, una percentuale che è destinata ad aumentare parallelamente all’aumento degli abitanti. Da qui al 2030 ci saranno 1,5 miliardi di persone in più nelle città, concentrate principalmente in Asia e Africa, che vedranno crescere i loro abitanti, rispettivamente, di 1,2 miliardi e 450 milioni di cittadini. Ecco allora che l’impiego delle rinnovabili potrebbe trovare un buon margine d’azione e IRENA ne è convinta.

Oltre a migliorare la qualità della vita delle persone, le FER potrebbero ridurre l’inquinamento dell’aria a livello locale, migliorare le condizioni abitative, contrastare l’aumento del prezzo del carburante, sostenere lo sviluppo di sistemi di trasporto sostenibili, ridurre la prevista crescita dei rifiuti solidi urbani e creare occupazione. Ovvio che la loro integrazione nei vari contesti urbani dovrà fare i conti con le specifiche condizioni locali, quali il clima, le infrastrutture, la progettazione urbana e il patrimonio edilizio esistente, la disponibilità della risorsa rinnovabile da implementare e i flussi finanziari. Certo è che, secondo quanto sostenuto da IRENA, ci sono varie attività che le città possono intraprendere, a partire dallo sviluppo delle giuste infrastrutture per trasporto, acqua, energia e rifiuti, fino ad arrivare alla costruzione di edifici “verdi”, energeticamente sostenibili, o di reti intelligenti. Si tratta di azioni, però, che potranno essere veramente efficaci solo se supportate dalle giuste politiche di supporto.