• Articolo Parma, 29 settembre 2011
  • Raggiunto un accordo tra il Ministero dell’Ambiente e l’Ateneo parmense

    L’Università efficiente

  • 5 milioni di euro per la costruzione del primo edificio pubblico parmense energeticamente autonomo: sarà il Campus Universitario il centro delle sperimentazioni.

L’Università di Parma ha ricevuto uno stanziamento di 5 milioni di euro per il progetto Campus sostenibile. Ad annunciare l’erogazione del finanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente, è stato il Rettore dell’Ateneo Gino Ferretti.

I fondi, erogati grazie ad un accordo siglato tra l’Ateneo parmense e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, renderà il campus universitario in grado di intraprendere una serie di interventi strutturali per rendere i suoi nuovi edifici autonomi dal punto di vista energetico. All’interno del campus verranno installati dei sistemi in grado di abbattere i consumi termici ed elettrici oltre che, al tempo stesso, poter beneficiare di energia prodotta dall’utilizzo esclusivo di FER.

“In un momento di difficoltà economiche generalizzate, aver ottenuto questo finanziamento è per noi un successo ancora più rilevante”, ha detto il Rettore Gino Ferretti. “Questa è una prima tranche di interventi, legati ai finanziamenti del bando ministeriale per il 2010. Concorreremo anche ai bandi per il 2011 e il 2012 per provare a ottenere ulteriori fondi e intervenire così sulla centrale termica del Campus. L’idea sarebbe quella di realizzare un impianto avanzato che consenta l’utilizzo del 100% dell’energia: un impianto che produca calore ed energia elettrica e che d’estate possa anche refrigerare gli ambienti. Un progetto di questo tipo potrà portare il sistema dell’università ad essere quasi autosufficiente, e potremo arrivare anche a vendere energia”. I finanziamenti metterebbero l’università nelle condizioni di intervenire nel suo intero assetto energetico, diventando così uno dei primi enti pubblici del nostro Paese impegnati a raggiungere gli obiettivi della direttiva 20-20-20.