• Articolo Roma, 10 luglio 2012
  • Ospite del convegno il Ministro Francesco Profumo

    L’industria delle costruzioni riunita per “Horizon 2020”

  • Si terrà domani a Roma il convegno promosso da ANCE e Federcostruzioni, per individuare una strategia italiana nell’ambito del programma Horizon 2020, dedicato a Ricerca, Innovazione e Tecnologia

(Rinnovabili.it) –  Si svolgerà domani 11 luglio a Roma, il convegno organizzato da ANCE e Federcostruzioni in collaborazione con la Piattaforma Tecnologica Italiana delle Costruzioni (PTIC) e l’Agenzia per la promozione della ricerca europea (APRE), dal titolo “L’industria delle costruzioni verso Horizon 2020”. Dopo la recente pubblicazione del nuovo bando dedicato alle Smart Cities e Smart Communities italiane indetto dal MIUR, il Ministro Francesco Profumo prenderà parte al convegno per incontrare il mondo dell’edilizia e soffermarsi sul tema della tecnologia e dello sviluppo sostenibile nell’ambito del Programma europeo “Horizon 2020“, presentato dalla Commissione Europea per finanziare progetti di Ricerca e Innovazione in vista degli obiettivi strategici di “Europa 2020”.

Con il programma Horizon 2020, proposto per il periodo 2014-2020, la Commissione Europea investirà 80 mld di euro a favore di grandi progetti a grosso impatto industriale e strategicamente importanti, per rilanciare la competitività europea e risolvere i principali problemi comuni a molti Paesi Europei, promuovendo interventi destinati a valorizzare le Smart Cities, efficienza energetica industriale e degli edifici e mobilità sostenibile.

Nell’ambito degli obiettivi del progetto l’industria delle costruzioni sarà uno dei temi caldi, comprendendo simultaneamente numerosi settori di ricerca ed innovazione come la produzione dei materiali da costruzione, la progettazione, i componenti e sistemi per impianti, la domotica, i macchinari e le tecnologie di costruzione e di manutenzione, giocando nello stesso tempo un ruolo sociale, economico, tecnico e culturale di fondamentale importanza.

Il convegno servirà dunque per riunire la filiera delle costruzioni ed i membri della PTIC, per fornire un quadro conoscitivo di Horizon 2020 evidenziando le potenzialità legate all’industria italiana e cogliere le opportunità messe a disposizione della Commissione Europea.