• Articolo Wakefield, 4 settembre 2015
  • Mattoni crudi per migliorare le prestazioni termoigrometriche

    Mattoni di fango per lo Yorkshire Sculpture Park di Wakefield

  • Un museo realizzato con mattoni di fango aprirà nel 2017 al posto di una ex cava di arenaria, in occasione del 40° anniversario dello Yorkshire Sculpture Park

Mattoni di fango per lo Yorkshire Sculpture Park di Wakefield

 

(Rinnovabili.it) – Non si tratta di paesi in via di sviluppo o di architettura d’emergenza in zone colpite da calamità naturali, il nuovo centro visitatori a base di mattoni di fango si trova nel tecnologicissimo Regno Unito, alle porte di una ex cava vicino Wakefield, nel West Yorkshire.

Al posto di metallo, vetro o altri materiali hi-tech gli architetti dello studio Feilden Fowles hanno scelto la terra cruda per realizzare il più grande parco della scultura moderna e contemporanea d’Europa, che comprenderà anche un foyer, un ristorante ed un negozio.

 

Perché i mattoni di fango

I mattoni in terra cruda sono stati scelti perché si integrano armoniosamente nel contesto della cava di arenaria e le emissioni per il trasporto saranno quasi nulle dato che il materiale ottenuto con gli scavi sarà riutilizzato per la creazione delle pareti.

Inoltre questi componenti naturali a chilometri zero portano notevoli benefici alla struttura, permettendole di raggiungere alti standard di sostenibilità in architettura.

La massa della parete isola naturalmente gli ambienti interni mentre la capacità dei mattoni di fango di catturare l’acqua nei periodi più umidi per rilasciarla nelle stagioni secche climatizza gli interni senza consumare energia.

 

“Le giunzioni tra i mattoni crudi formano un’intercapedine ed una rete di sentieri d’aria simili ad un ipocausto dentro le mura.” Ha spiegato Feilden.

 

Questa soluzione sostenibile insieme alla pompa di calore geotermica riduce i costi di gestione dell’edificio e abbatte consumi energetici ed emissioni.

La copertura a dente di sega contiene pannelli traslucidi in vetroresina che permettono l’ingresso della luce solare e garantiscono la migliore illuminazione per le sculture esposte nella galleria.

 

Lo spazio espositivo è stato fondato nel 1977 ed occupa la tenuta di Bretton Hall, rappresenta il più grande centro di cultura del suo genere in Europa ed ospita opere di artisti come Henry Moore e Barbara Hepworth.

La nuova galleria di 662 mq in mattoni di fango sarà pronta per il 2017 in occasione del 40° anniversario dello Yorkshire Sculpture Park, per dimostrare come uno spazio da recuperare come una ex cava possa diventare un centro di arte sostenibile ed educativo.

 

Mattoni di fango per lo Yorkshire Sculpture Park di Wakefield

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *