• Articolo Changsha, 21 dicembre 2012
  • Il masterplan è firmato dagli architetti di Kohn Pedersen Fox Associates (KPF)

    Meixi Lake: un’altra ‘future city’ per la Cina

  • La nuova green city cinese sorgerà nella Provincia di Hunan, lungo le sponde del lago Meixi, ricavando da questo bacino, la maggior parte delle risorse energetiche ed idriche, inserendovi anche in una rete di trasporto pubblico

(Rinnovabili.it) – Una nuova “future city” cinese si prepara a nascere nei pressi di Changsha, lungo le sponde del lago Meixi dal quale prenderà nome. Ad annunciare la posa della prima pietra di Meixi Lake, gli stessi progettisti di Kohn Pedersen Fox Associates (KPF) che affiancati dal team di Arup, daranno vita ad una città basata prima di tutto sul perfetto equlibrio con la natura. Destinata ad accogliere circa 180.000 abitanti, L’innovativa Meixi Lake City vorrebbe integrare i trasporti di terra con quelli d’acqua, sfruttando i naturali bacini idrici di cui è ricca questa regione, anche come fonte primaria di energia. Lo scopo è ovviamente quello di rispondere in maniera sostenibile ed energeticamente efficiente, alla necessità di creare nuovi alloggi di qualità per la popolazione, abbattendo le emissioni nocive per compensarle con ampi spazi verdi perfettamente inseriti all’interno della struttura della città.

Organizzato in agglomerati urbani da circa 10 mila persone ciascuno, il nuovo insediamento sarà dotato di tutti i servizi necessaria ad una città, a partire dalle residenze ad alta efficienza energetica, sino ad arrivare alle attività commerciali, agli uffici ed ovviamente ai servizi sociali.

Oltre alla produzione energetica idroelettrica, Meixi Lake sfrutterà impianti geotermici e i numerosi pannelli fotovoltaici delle coperture, arrivando a coprire buona parte dei consumi della città. Lo sviluppo concentrico della città inoltre permetterà di ottimizzare la rete di trasporto pubblico anche fluviale, limitando al minimo l’impiego di mezzi privati, per puntare invece su una fitta rete di piste ciclabili e pedonali e sui servizi di car e bike sharing.