• Articolo Bratislava, 7 giugno 2017
  • A due anni dal lancio

    Le prime micro case off grid in vendita entro quest’anno

  • Una azienda slovacca sarà la prima a mettere sul mercato delle micro case alimentate da fotovoltaico ed eolico che permettono di vivere ovunque off grid

micro case

 

(Rinnovabili.it) – Entro fine anno i primi ordini saranno evasi, e chi ci ha creduto sarà premiato. La Ecocapsule, azienda slovacca che costruisce micro case off grid iper sostenibili ha annunciato di aver raggiunto l’obiettivo: il 2017 sarà l’anno della commercializzazione delle sue mini abitazioni mobili a forma di uovo.

Alte circa 2,5 metri, larghe 2 e lunghe 5, le Ecocapsule sono alimentate da celle solari poste sul tetto e dal mini eolico che spunta appena sopra la porta di ingresso. L’impianto fotovoltaico da 2,6 mq e la turbina eolica da 750 W caricano una batteria integrata con una capacità di 4.200 Wh. In questo modo, anche in assenza di luce solare e vento l’energia non viene a mancare.

Vi è un sistema per la raccolta dell’acqua piovana, che viene depurata e diventa potabile. Dentro c’è spazio per un piccolo letto matrimoniale, un bagno, un angolo cottura pieghevole e una zona soggiorno. Un gancio permette di trainarla come una roulotte, per portarla praticamente ovunque: al mare, in montagna, nella savana o su un’isola. Può essere spedita in un container di dimensioni standard o sollevata con una gru per posizionarla ovunque, anche sul tetto di un palazzo.

 

>> Leggi anche: A Chicago le mini case progettate per i giovani <<

 

micro caseGli interni sono rivestiti in legno e l’ambiente è ben illuminato dalle due finestre sui lati. Nonostante le piccole dimensioni, grazie al letto pieghevole e gli armadi a scomparsa il volume di 14,8 metri cubi risulta sufficiente e ospitale. Il sistema di isolamento della micro casa la rende poi adatta a resistere in ogni ambiente, dalla montagna al deserto.

Per quest’anno, si prevede la vendita di 50 micro case, un numero un po’ basso per un’invenzione tanto innovativa. Il problema sono i costi, che al momento tengono lontani i tantissimi appassionati del genere. Servono circa 80 mila euro per assicurarsi uno di questi baccelli super sostenibili, ma il fondatore della società, Tomas Zacek, promette che il 2018 sarà l’anno della commercializzazione su larga scala, che permetterà di abbattere i prezzi.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *