• Articolo Trezzano sul Naviglio, 31 gennaio 2013
  • Il 7 febbraio verrà inaugurato il primo prototipo presso lo Spazio Missione Architetto

    Milano: la “Casa Virtuosa” ti ripaga il mutuo

  • Applicando 8 concetti chiave e rispettando regole ferree per progettisti, costruttori ed inquilini, la Casa Virtuosa trasformerà il nostro stile di vita, riducendo gli sprechi ambientali ed economici

(Rinnovabili.it) – “Basta corruzione e architettura pessima”, così esordisce il comunicato di presentazione della prima “Casa Virtuosa” costruita in Italia. A parlare sono i protagonisti di Missione Architetto, l’associazione nata in provincia di Milano e che raccoglie progettisti, artigiani, imprese e professionisti impegnati a portare avanti un’architettura diversa e maggiormente consapevole.

Sarà proprio nella sede di Spazio Missione Architetto a Trezzano sul Naviglio che il 7 febbraio verrà inaugurata la Casa Virtuosa, costruita unicamente per concretizzare gli otto principi cardine su cui si sviluppa il lavoro dell’associazione: Ecosostenibilità, Domotica, Risparmio, Arte&Design, Benessere psicofisico degli abitanti, Personalità ed Emozionalità degli abitanti e ricchezza di luce e colori.

 

“Perchè non se ne può più di città brutte, di modalità vecchie di progettazione, di una politica corrotta e indegna di questo nome”, afferma Fabio Vicamini, Presidente di Missione Architetto, sottolineando la necessità di arrivare ad una nuova figura dell’architetto che possa tornare ad “occuparsi anche degli aspetti relazionali, per ridare fiducia e bellezza al Pianeta e a chi verrà dopo di noi”.

La Casa Virtuosa  è costruita partendo dal presupposto che tutti, anche i meno facoltosi, debbano avere la possibilità di accedere ad un’abitazione di qualità. Sulla base del progetto redatto da uno dei professionisti di Missione Architetto, l’impresa di costruzione scelta per realizzare l’abitazione, dovrà attenersi rigidamente agli schemi proposti, applicando metodologie progettuali e tecnologie attive e passive, per ridurre al minimo l’impatto ed i consumi, rispettando prima di tutto i desideri del committente. Ma il ruolo più importante è riservato ai futuri abitanti della casa che saranno chiamati a rispettare uno stile di vita ben preciso e maggiormente consapevole.

Mettendo in pratica tutte queste regole, le spese di costruzione ed il mutuo si ripagano da soli, riducendo significativamente le spese energetiche solitamente necessarie per un’abitazione di questo tipo.

 

“Lo spirito è quello di divulgare un nuovo modello di progettazione e contribuire a migliorare il territorio, il modo di progettare dei professionisti di settore, il modo di costruire delle imprese, la coscienza delle persone (tutte) e combattere la burocrazia, l’arroganza e l’ignavia”.