• Articolo Madrid, 21 giugno 2012
  • Una soluzione per preservare le prestazioni di materiali e facciate senza modificarne le qualità

    Nanotecnologica spray per proteggere gli edifici storici

  • Arriva dalla Spagna la soluzione nanotecnologica per proteggere il patrimonio storico: uno speciale rivestimento che rende le superfici idrorepellenti, contrastando gli agenti inquinanti

(Rinnovabili.it)- Per combattere l’usura del tempo del patrimonio edilizio storico e prevenire i problemi legati all’inquinamento e allo smog che attacca prevalentemente i monumenti presenti nelle nostre città, la soluzione arriva dalla nanotecnologica spagnola. Si chiama “Tecnadis PRS EFFECT” commercializzato da Arcos, e si tratta di una particolare pellicola da nebulizzare sulle superficie esterne degli edifici storici per aumentarne le capacità idrorepellenti senza compromettere la traspirabilità dei materiali.

Essendo composto da microparticelle, più piccole rispetto alle molecole dell’acqua, questo particolare rivestimento permette alle gocce di pioggia di scorrere sulla superficie degli edifici, generalmente costituite da pietra naturale, graniti, marmi, calcestruzzo, impedendo ai materiali di assorbire l’umidità e nello stesso tempo lavando gli eventuali residui di agenti chimici inquinanti presenti nell’aria e depositati sulle superfici.

Questo processo chiamato “easy-cleaning” non compromette in alcun modo le qualità estetiche degli edifici, contrastando nello stesso tempo l’azione dei raggi UV, inoltre pur essendo idrorepellente, permette alle superfici di mantenere inalterata la propria traspirabilità, senza incorrere così in problemi di mufe o agenti batterici che potrebbero danneggiare le prestazioni delle strutture.