• Articolo Madrid, 22 febbraio 2013
  • Un rapporto elenca 48 scenari

    Per un futuro green il GBCe pensa alla ristrutturazione edile

  • In un documento il GBCe ha elencato 48 scenari ipotetici di riduzione delle emissioni del settore residenziale nazionale

(Rinnovabili.it) – Il Green Building Council España ha dimostrato come ridurre la CO2 degli edifici creando al contempo oltre 150 mila posti di lavoro. Un aiuto importante per il settore edile, alla costante ricerca di metodi di diminuzione dell’impatto ambientale. Seguendo le raccomandazioni diffuse il GBCe ha dichiarato che la Spagna non solo riuscirebbe a soddisfare i propri impegni internazionali in termini di riduzione dell’impatto inquinante, ma potrebbe anche mettere a disposizione oltre 150mila posti di lavoro. Lo studio, realizzato grazie alla collaborazione della Fondazione Biodiversità, ha delineato gli scenari di miglioramento dell’efficienza energetica e di riduzione del rilascio delle emissioni di gas serra legati al settore residenziale tra il 2020 e il 2030.

 

Inviato al Ministero dell’ambiente spagnolo il documento spera di sensibilizzare i politici alla redazione di piani d’azione più mirati e ambiziosi. Per redigere gli scenari il GBCe ha preso in considerazione tutte le possibili variabili di intervento di efficientamento e ristrutturazione delle abitazioni realizzate prima del 2001  ottenendo così 48 differenti schemi d’azione.

Tra questi il più ambizioso è stato battezzato “Green Plus” dal quale si evince che la riduzione delle emissioni è l’occasione per trasformare il settore edile e l’economia spagnola in generale, portandola verso un futuro green ristrutturando circa 300mila abitazioni all’anno con un notevole risparmio economico e in termini di emissioni inquinanti.