• Articolo Amsterdam, 1 dicembre 2016
  • Nel porto di Amsterdam galleggiano 380 appartamenti a energia zero

  • Il progetto di BIG e Barcode architects prevede un complesso di 380 appartamenti a energia zero, giardini galleggianti e impatto ambientale ridotto al minimo

Nel porto di Amsterdam galleggiano 380 appartamenti a energia zero

 

(Rinnovabili.it) – Costruire un porto dentro al porto: è la sfida lanciata dagli studi BIG e Barcode Architects per il nuovo quartiere IJburg Steigereiland di Amsterdam. Un progetto che ha appena ricevuto luce verde dalle autorità olandesi e che si svilupperà su una superficie di oltre 46mila mq, connettendo il quartiere con l’area portuale nelle vicinanze del centro storico. Sluishuis – questo il nome scelto – è un edificio ad uso misto che ospiterà 380 appartamenti a energia zero, 4mila mq di spazi commerciali e aree comuni e un “parcheggio” per almeno 30 imbarcazioni.

Perfettamente integrato nel contesto, Sluishuis è un avveniristico esempio di architettura galleggiante e ha una natura ibrida: il lato che dà sul lago di IJ si “solleva” creando un’apertura che permette sia all’acqua di occupare la corte centrale, sia alla luce di raggiungere gli appartamenti sui lati opposti. Qui, sul lato che affaccia sulla città, la struttura presenta gradoni decrescenti che diventano una cascata di terrazze panoramiche.

 

Nel porto di Amsterdam galleggiano 380 appartamenti a energia zeroVisto dal lago assomiglia quindi alla prua di una nave, mentre se ci si sposta sulla terraferma ha l’aspetto di una grande parete verde. Tutto attorno il perimetro dell’edificio corre una passerella, da cui si dipartono camminamenti minori che portano ad un arcipelago di imbarcazioni e giardini galleggianti. Luoghi intenzionalmente pensati per l’intero quartiere, non ad uso esclusivo di chi abiterà nell’edificio. Allo stesso modo, anche il tetto verde è uno spazio comune, cui si accede tramite una lunga scalinata in legno dal molo.

La giuria che ha selezionato BIG e Barcode ha sottolineato nello specifico l’attenzione che il progetto riserva alla sostenibilità ambientale. Oltre a garantire che tutti gli appartamenti consumino tanta energia quanta ne viene prodotta dal complesso grazie “al vasto uso di energie rinnovabili in tutto l’edificio” (di cui non si hanno, al momento, ulteriori dettagli), anche per l’intenzione di ridurre al minimo l’impatto ambientale abbattendo le emissioni di CO2 prodotte durante la fase di realizzazione.

 

2 Commenti

  1. dino guarino
    Posted dicembre 2, 2016 at 6:38 am

    Good good

  2. nicola
    Posted dicembre 2, 2016 at 5:41 pm

    Quando questo sara concepito come edilizia popolare allora sara rivoluzione !!!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *