• Articolo Roma, 13 febbraio 2012
  • I 63 articoli del DL 5/2012 che faranno risparmiare 500 mln di euro.

    Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DL Semplificazioni

  • L’ultima versione del DL sulle “Disposizioni in materia di semplificazione e sviluppo” conferma gli interventi sull’edilizia scolastica, gli impianti termici, l’efficienza e la semplificazione burocratica.

(Rinnovabili.it) – Il Decreto Legislativo n.5 in merito alle “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”, più comunemente noto come DL Semplificazioni, è stato definitivamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 febbraio. Approvato dal Consiglio dei Ministri il 27 gennaio, il DL era dovuto tornare al vaglio del Governo, per apportare alcune importanti modifiche chieste dalla Ragioneria generale dello Stato.

I 63 articoli di cui si compone il testo apportano importanti modifiche al sistema burocratico italiano, introducendo importanti novità nel settore edile e dell’ambiente.

  • Piano Nazionale di edilizia scolastica: per la riqualificazione e l’ammodernamento delle strutture scolastiche. Dopo l’entrata in vigore del DL Semplificazioni, la proposta di Piano verrà trasmessa alla Conferenza unificata, per approvare il piano in via definitiva. Per la messa in sicurezza e l’ammodernamento delle strutture, gli istituti avranno due anni di tempo, al termine dei quali dovrà essere garantita un’adeguata efficienza energetica ed una corretta manutenzione, nel rispetto di parametri tecnici europei.
  • Autorizzazione unica ambientale: per semplificare gli adempimenti amministrativi delle piccole e medie imprese, soprattutto in merito agli obblighi ambientali (Rifiuti, scarichi, emissioni,..), il Governo avrà il compito di emanare una nuova regolamentazione, che sarà composta esclusivamente da un unico documento e rilasciato da un solo organo competente. Questo provvedimento, oltre a ridurre gli oneri burocratici destinati alle imprese (1,3 mld di euro l’anno), facilita il controllo e la supervisione da parte degli organi competenti, sulle tematiche ambientali;
  • Dichiarazione unica di conformità degli impianti termici: che sostituisce tutte le precedenti dichiarazioni, talvolta semplici duplicati della medesima certificazione. Il testo specifica inoltre che resta fermo l’obbligo di comunicazione ai fini del rilascio del certificato di agibilità da parte del comune o in caso  di allacciamento di una nuova fornitura di gas, energia elettrica o acqua;

Le novità apportate dal Decreto Semplificazioni, si estenderanno inoltre agli interventi sui beni culturali, all’istituzione di una Banca dati nazionale dei contratti pubblici, sulla semplificazione delle procedure per gli interventi di lieve entità, nonchè alle semplificazioni in merito al tema della ricerca universitaria.