• Articolo Jinju, 14 febbraio 2012
  • Lo studio di architetti DRDS vince il concorso per il progetto del Campus Sostenibile in Corea del Sud

    Quando “la terra incontra il cielo”

  • Il progetto esclusivo per il Campus Sostenibile della città di Jinju, che riqualificherà un intero brano di città (65.000mq) fornendo servizi, aree verdi, sicurezza e qualità architettonica.

(Rinnovabili.it) – “Land meets Sky”, la terra incontra il cielo, non si tratta di uno spot pubblicitario, ma del nuovo ultra tecnologico campus sostenibile commissionato dalla coreana Land + Housing Corporation (LH), intenzionata a fare del nuovo quartiere di Jinju, un esempio di efficienza e sostenibilità. Il vincitore del concorso è lo studio DRDS che ha sbaragliato gli altri 9 concorrenti in gara per la realizzazione di un nuovo campus sostenibile da 65.000 mq, dotato dei migliori accorgimenti tecnologici, inserito nel verde e destinato ad accogliere una peculiarità di servizi a 360 gradi: uffici, servizi pubblici, spazi sociali e culturali, nonchè impianti sportivi, sale espositive, centro congressi, mensa aziendale, biblioteche, studi televisivi ed asilo aziendale.

Il finanziamento stanziato dalla LH per la realizzazione dell’eco-campus si aggira attorno ai 320 mln di dollari e prevederà l’impiego di tecnologie avanzate a tutte le scale:

  • Brise-soleil per la facciata sud, che schermano la luce solare diretta, per permettere agli ambienti interni un elevato grado di illuminazione, senza compromettere la temperatura;
  • Facciata a doppia pelle intelligente, dotata di un sistema tecnologico che permette una naturale circolazione dell’aria fresca proveniente dall’esterno;
  • Giardini pensili interni alla struttura per favorire un perfetto controllo del microclima interno e qualificare gli spazi di lavoro con il valore aggiunto del verde;
  • Pianificazione del verde e del paesaggio, inserendo ampie aree di verde privato e grandi spazi pubblici, dotati di servizi sportivi e culturali.

Collocato a pochi passi dal fiume che attraversa la città di Jinju, il nuovo Campus Sostenibile non servirà solo come sede centrale dell’azienda coreana, ma contribuirà a riqualificare una porzione di territorio fino ad oggi trascurata e poco sicura; introducendo nel masterplan la realizzazione di spazi verdi pubblici, campi sportivi e servizi culturali aperti a tutti, sarà possibile valorizzare l’intero quartiere cittadino intervenendo simultaneamente su tutte le esigenze.