• Articolo Milano, 9 dicembre 2011
  • Proliferano le certificazioni energetiche "low cost"

    SACERT lancia la campagna “sOFFRIAMO a basso costo”

  • Per opporsi alle molteplici certificazioni a basso prezzo e scarsa qualità, SACERT lancia una campagna di protesta e raccoglie sul proprio sito gli innumerevoli annunci già pubblicati.

(Rinnovabili.it) – Dopo il moltiplicarsi di numerose inserzioni web sulle certificazioni energetiche degli edifici “low cost”, diversi Ordini professionali del settore ed alcuni studi di progettazione, avevano cercato di opporsi a questa spiacevole tendenza, denunciando la scarsa valenza di servizi di questo tipo che, quasi certamente, oltre a tagliare sui prezzi, tagliano anche sulla qualità. Per cercare di porre un limite alla giungla del web, l’associazione SACERT (Ente accreditato da ACCREDIA per la Certificazione volontaria delle competenze dei tecnici certificatori energetici) ha lanciato la campagna “sOFFRIAMO a basso costo”, un forum online esclusivamente dedicato ai fruitori ed ai certificatori, pronto ad accogliere l’elenco completo delle offerte di certificazioni a basso costo già pubblicate o segnalate direttamente dagli utenti. Recentemente anche il presidente di SACERT, Giuliano Dall’O’ aveva espresso le sue preoccupazioni in materia, attraverso le parole di una lettera inviata ai certificatori italiani, in cui sottolineava l’importanza di queste figure di qualità in quanto “garanzia per chi acquista o prende in affitto un alloggio che affida sempre di più le sue scelte proprio su questo importante documento”. “I costi inadeguati con i quali si stanno proponendo le certificazioni energetiche – prosegue Dall’O’ –  contribuiscono a trasmettere all’opinione pubblica un’informazione eticamente molto scorretta: che la certificazione in fondo altro non sia che un foglio di sul quale ci può essere scritto di tutto.”

Il rischio maggiore, in una situazione di questo tipo, è quello di mettere in pericolo la già precaria situazione del patrimonio edilizio italiano, sottovalutando i rischi dovuto, alla mancanza di qualità o ancora peggio, nascondendo l’inedaguettazza dell’immobile dietro a frettolose carte.