• Articolo Sidney, 27 giugno 2016
  • Il progetto dello studio Tzannes

    Sidney sceglie l’architettura in legno per tagliare le emissioni

  • Impiegati circa 2.000 metri cubi di legno ingegnerizzato CLT e Glulam, proveniente da fonti gestite in modo responsabile e con certificazione di catena di custodia PEFC

Sidney sceglie l'architettura in legno per tagliare le emissioni

 

(Rinnovabili.it) – Facciata trasparente e 2.000 metri cubi di legno ingegnerizzato per ridurre l’impronta di carbonio. È il cuore del progetto dell’International House Sydney, il primo edifico commerciale in Australia a puntare estensivamente sull’architettura in legno. Sorgerà a Barangaroo, quartiere occidentale di Sidney, non lontano dall’iconico teatro dell’opera della metropoli. Concepito per migliorare l’accesso all’area, grazie al suo sviluppo su 6 piani, il primo rialzato, connetterà le infrastrutture pedonali esistenti.

Il progetto porta la firma dello studio dell’architetto australiano Alec Tzannes, che ha deciso di puntare sull’architettura in legno per sottolineare la necessità di una progettazione sostenibile e rispettosa dell’ambiente. “Al di là della forma complessiva e delle superfici, è il design che rinnova il ruolo dell’architettura ciò che serve il ben più grande scopo sociale dell’abbattimento delle emissioni di CO2, ha commentato Tzannes.

L’edificio, la cui cerimonia del taglio del nastro è in calendario per il 2017, fa ampio uso di legno, principalmente CLT e Glulam, materiali il cui processo di produzione garantisce appunto una minore quantità di emissioni e, in quanto legno, le “incorpora”.

 

Inoltre, tutto il legno impiegato proviene da fonti gestite in maniera responsabile (anche se il paese d’origine degli alberi è l’Austria: certo non quello che si può definire km zero) e ha la certificazione di catena di custodia PEFC, uno dei sistemi di tracciabilità della materia prima nelle diverse fasi della sua lavorazione più rigorosi a disposizione, in grado di garantire che nessun legname provenga da fonti controverse – come l’abbattimento illegale o in aree protette – né tanto meno possa entrare nella catena dei prodotti certificati.

Proprio grazie al ricorso massiccio a CLT e Glulam, l’International House Sydney punta ad ottenere due certificazioni green che ne attestino l’alto livello di sostenibilità: 6 stelle nel Green Star Office Design (che dipende dal Green Building Council australiano) e l’As Built (v3).

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *