• Articolo Marlow, 21 gennaio 2016
  • Sulle rive del Tamigi

    UK, la prima casa anfibia campionessa di resilienza

  • In UK è stata completata la prima casa anfibia che in caso di alluvione si solleva di 2,5 metri. Un esempio perfetto di resilienza e sicurezza

UK, la prima casa anfibia campionessa di resilienza

(Rinnovabili.it) – Come hanno previsto gli architetti intervistati dall’AIA, nel 2016 sentiremo parlare moltissimo di resilienza in architettura. Un esempio è la casa anfibia progettata dallo studio BACA per far fronte alle imprevedibili alluvioni che potrebbero devastare i quartieri residenziali sulle rive del Tamigi.

Il cambiamento climatico è la causa di manifestazioni meteorologiche impreviste, che spesso sconvolgono interi centri abitati. Per questo è importante che le abitazioni del futuro sappiano adattarsi alle situazioni estreme e garantiscano sempre la sicurezza degli occupanti.

 

“La progettazione anfibia fa parte di una serie di nuove soluzioni che consentiranno ai residenti di vivere in sicurezza, senza temere le inondazioni ed adattandosi alle sfide del cambiamento climatico”, hanno spiegato gli architetti.

 

UK, la prima casa anfibia campionessa di resilienza

 

La resilienza della casa anfibia in Buckinghamshire

UK, la prima casa anfibia campionessa di resilienzaFormosa è la casa anfibia realizzata dagli architetti Richard Coutts e Robert Barker a Marlow, sulle rive del Tamigi, capace di assecondare ogni tipo di piena. Infatti quando il livello del fiume si alza l’abitazione si stacca dalle fondamenta ed inizia a galleggiare. I quattro montanti agli angoli fanno sì che la sede della casa non si sposti e guidano il movimento dal basso verso l’alto mentre la base della struttura può sollevarsi anche di 2,5 metri.

Il galleggiamento è assicurato dalle due fondazioni a platea posizionate una sopra l’altra con una riserva d’acqua imprigionata. Quando il livello del fiume sale, l’acqua scorre fino al bacino nascosto e fa sì che le due basi si stacchino e la casa inizi a fluttuare.

 

Formosa è uscita perfettamente indenne dal periodo di piogge fuori dal comune che ha messo KO l’Inghilterra nell’ultimo mese ed i suoi creatori spiegano che la resilienza dei progetti non è un aspetto da sottovalutare.

 

“Le autorità locali dovrebbero imporre controlli più severi in materia di sviluppo inadeguato in zone a rischio di alluvione ed accettare solo nuovi quartieri progettati per essere resilienti alle inondazioni”, ha spiegato il team di progettazione.

 

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *