• Articolo Zurigo, 5 luglio 2016
  • Batterie al litio, ecco come migliorarle del 50%

  • Senza il bisogno di sviluppare nuovi materiali, un team di ricercatori svizzeri ha migliorato le prestazioni delle batterie ricaricabili semplicemente ottimizzando l’anodo

Batterie al litio, ecco come migliorarle del 50%

 

(Rinnovabili.it) – Batterie al litio che durino più a lungo e che si ricarichino più rapidamente. Questo il duplice obiettivo centrato da un team di ricercatori svizzeri, senza dover reinventare i materiali strutturali delle pile ricaricabili.

Gli scienziati dello Swiss Paul Scherrer Institute PSI a Villigen e dell’ETH di Zurigo hanno sviluppato una procedura molto semplice e conveniente in grado di migliorare in modo significativo le prestazioni di questi dispositivi di accumulo. La procedura è scalabile in termini di dimensioni, quindi l’uso di batterie ricaricabili potrà essere ottimizzato in tutti i campi di applicazione, dagli orologi da polso alle automobili elettriche. Come spiega Claire Villevieille, capo della ricerca: “In questo campo di competizione, la maggior parte dei ricercatori si concentrano sullo sviluppo di nuovi materiali. Noi invece abbiamo controllato i componenti esistenti, al fine di sfruttare appieno il loro potenziale”. La soluzione si è rivelata davvero semplice: è bastato ottimizzare l’anodo di grafite (ossia l’elettrodo  negativo).

Normalmente, gli elettrodi sono realizzati in grafite, ossia carbonio, disposti in minuscole scaglie disordinate, paragonabili in apparenza a cornflakes compressi. Quando una batteria al litio è in carica, gli ioni di litio passano dal catodo attraverso un fluido elettrolita verso l’anodo, dove vengono memorizzati nella barra di grafite. Quando la batteria è in uso, gli ioni tornano al catodo, ma sono costretti a percorrere strade più lunghe a causa delle deviazioni che comporta la massa scomposta di fiocchi di grafite.

 

La soluzione adottata dal team è stata quella di raddrizzare tali scaglie, allineandole tra loro attraverso un processo di magnetizzazione. Il risultato è stato sorprendete. “In condizioni di laboratorio – spiegano gli scienziati – siamo stati in grado di migliorare fino a tre volte la capacità di stoccaggio. A causa della loro costruzione complessa, le batterie commerciali non saranno in grado di replicare pienamente questi risultati. Ma le prestazioni saranno sicuramente migliorate, forse anche del 30 – 50 per cento: ulteriori esperimenti dovrebbero produrre prognosi più accurate”.

 

rechargeable

2 Commenti

  1. Michele
    Posted gennaio 3, 2017 at 4:46 pm

    Ottima scoperta, spero presto messa in pratica dai produttori di batteria!

  2. GILBERTO
    Posted marzo 20, 2018 at 2:59 pm

    le auto elettriche esistono dal 1971 , lavoravo in una ditta all’avanguardia del settore elettromeccanico , non mi stupisce, finalmente che si parli di batterie per le auto , se pensiamo che migliaia di muletti per il trasporto per il magazzinaggio lavorano da cinquanta anni a pieno ritmo , riflettete ,,, riflettete,,,, sono anni che qualcuno ci prede per i fondelli ,,,,

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *