• Articolo Houston, 1 settembre 2015
  • Fino ad oggi abbiamo utilizzato tecnologie non rinnovabili

    A 18 anni inventa il modo per depurare l’acqua con il grafene

  • Il filtro in grafene ideato dal giovanissimo Perry Alagappan costa poco, è riutilizzabile, open source e rimuove il 99% dei metalli pesanti dall’acqua

A 18 anni inventa il modo per depurare l’acqua con il grafene 4

 

(Rinnovabili.it) – Clorazione, distillazione, ebollizione e filtrazione ad alta tecnologia. Tutte tecniche per la depurazione dell’acqua dai costi troppo alti per alcune zone del mondo, nonché spesso dipendenti dai combustibili fossili. Ci voleva un ragazzo prodigio come Perry Alagappan, 18 anni, di Houston, per inventare un nuovo dispositivo di filtraggio in grado di trovare una soluzione economica e semplice.

A 18 anni inventa il modo per depurare l’acqua con il grafenePerry ha inventato un filtro riutilizzabile che rimuove il 99% dei metalli pesanti dall’acqua. È costruito con nanotubi di grafene, può essere risciacquato con un concentrato di aceto e usato più volte. Il ragazzo, che si è aggiudicato il premio Stockholm Water Junior di quest’anno durante la World Water Week appena conclusasi, ha detto che la produzione del filtro ha un costo di 20 dollari, un quinto di quanto richiede la tecnologia odierna per l’osmosi inversa.

 

«Mi sono interessato alla depurazione delle acque quando ho visitato i miei nonni in India – ha detto Perry Alagappan – e ho visto con i miei occhi come i rifiuti elettronici avevano gravemente contaminato l’ambiente». Contrariamente alle attese, il ragazzo non brevetterà l’invenzione, ma intende condividerla con il mondo: «La scienza deve essere a disposizione di tutti. Se si trattengono idee che potrebbero avere grande potenziale si blocca il progresso. Solo se le persone che vengono da Paesi diversi si incontrano è possibile andare avanti».

A 18 anni inventa il modo per depurare l’acqua con il grafene 3Perry, appena diplomato a Houston, ha avuto il permesso di utilizzare il laboratorio della Rice University per sviluppare la sua idea. Il suo filtro può essere adoperato in ambito domestico se montato sui rubinetti, oppure nel settore industriale per sostituire gli attuali sistemi di filtrazione non rinnovabili come la già citata osmosi inversa.

 

Riutilizzabile e open source, il filtro al grafene potrebbe essere di grande utilità sia nel trattamento delle acque reflue sia nella depurazione dell’acqua potabile, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Qui il problema dell’acqua sarà sempre più sentito e pressante nei prossimi anni, e l’innovazione può contribuire a trovare soluzioni. Alagappan ha ottenuto di poter studiare alla Stanford University, e prevede di pubblicare i suoi risultati sulla rivista scientifica Nature Materials. La produzione commerciale dei filtri potrebbe iniziare subito, ha detto, in un impianto a Swansea, nel Galles, dove materiali simili sono già prodotti su scala industriale.

12 Commenti

  1. RM
    Posted settembre 1, 2015 at 10:52 am

    Questi radazzi sono dei miracoli viventi.

    • RM
      Posted settembre 1, 2015 at 10:54 am

      Questi ragazzi sono dei miracoli viventi.

      • TheQ.
        Posted settembre 1, 2015 at 11:12 am

        purchè non si stacchino nano-particelle che finendo nel corpo umano creano gli stessi effetti del PM2,5

        • Vinci
          Posted settembre 30, 2015 at 11:32 am

          Grande lezione etica da un “migrante”!

          A margine: quali sarebbero gli efetti dei PM2,5 sul corpo umano se ingeriti? Gli unici effetti noti del particolato sono a livello respiratorio. Occorrerebbe documentarsi prima di dire bestialità.

          • marcopg
            Posted ottobre 4, 2015 at 5:54 pm

            anche gli effetti noti del DDT all’epoca non erano noti, poi quando sono stati resi noti ormai era troppo tardi e oggi si trova ancora DDT nelle analisi dellle falde acquifere. un pò di prudenza non penso guasti mai quando si tratta di acqua da bere

  2. davide cravini
    Posted settembre 3, 2015 at 9:32 am

    E’ una fortuna che esistano ragazzi cosi “saggi”. Noi invece abbiamo al governo del mondo vecchi con idee infantili e retrograde. Aiuto ragazzi!!!

  3. Mancini Francesco
    Posted settembre 10, 2015 at 10:32 am

    Ho inventato il settimo metodo di PITTURA, scoperto la PANACEA: pane e vino o aceto!
    Concordo con la fine di un mondo prigione di quel demone che è’ l’EGO!
    Grazie
    3425087899

  4. Maurizio Pancaldo
    Posted settembre 20, 2015 at 1:19 pm

    Con la mia famiglia sono un grande consumatore di acqua minerale in bottiglia.Purtroppo,
    l’acqua potabile della mia città è molto pesante.D’altronde ho anche paura che l’acqua
    inbottigliata nella plastica possa fare anche male.
    Spero che il filtro al grafene possa arrivare presto “sulle nostre tavole”!!!!! GRAZIE giovane GENIO.

  5. Roberto Blundo
    Posted ottobre 10, 2015 at 4:17 pm

    Questa tecnología rimuove sólo metalli pesanti, non microorganismo. La frazione orgánica perianto rimane tal quale…!

    • roberto
      Posted aprile 29, 2016 at 11:25 am

      i microorganismi sono molto più grandi delle molecole e quindi non passano il filtro, che consente solo il passaggio di molecole d’acqua e dipende poi dalle dimensioni dei nanotubi cos’altro far passare.

  6. riccardo moro
    Posted novembre 17, 2015 at 7:25 am

    Bravo Perry ,
    e Antonino per pubblicarlo

    complimenti e mi domando se questo potrebbe servire per il crome esavalente, che e presente nelle acque del lago Fusaro, a Bacoli

    Grazie, Riccardo

  7. FabioM
    Posted gennaio 7, 2017 at 6:17 pm

    Vorrei sapere se e quando verrà comercializzato in italia

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *