• Articolo Boston, 8 febbraio 2018
  • L’eco-cemento fatto con le ceneri vulcaniche

  • Un team di ingegneri ha scoperto che polverizzare la cenere vulcanica e aggiungerla alla miscela cementizia rende il processo più “verde” e il materiale più resistente

cemento

 

(Rinnovabili.it) – C’è quello che incorpora fibre di vecchi pneumatici, quello creato a partire da polistirolo riciclato e persino quello prodotto con acqua ossigenata e birra. Quando si parla di cemento, gli esperimenti per realizzare versioni più ecologiche non mancano. Il settore, che rappresenta oggi circa il 5% delle emissioni globali di CO2, è alla continua ricerca di soluzioni che possano alleggerire la propria impronta ci carbonio. In questo filone d’eco-innovazione si inserisce anche il lavoro svolto dal MIT di Boston. Un team di ingegneri in collaborazione con alcuni scienziati del Kuwait, ha scoperto che polverizzare la cenere vulcanica e aggiungerla alla miscela cementizia rende non solo il processo più “verde” ma anche il materiale stesso più resistente.

 

Questa cenere possiede numerosi vantaggi, per così dire, sostenibili: è naturalmente disponibile, è generalmente considerata un materiale di scarto ed ha proprietà intrinseche “pozzolaniche”, il che significa che, sotto forma di polvere finissima può legarsi naturalmente con acqua e altri materiali per formare paste simili al cemento.

 

In un articolo pubblicato online sul Journal of Cleaner Production, i ricercatori spiegano che ci vorrebbe circa il 16% di energia in meno per costruire un quartiere pilota con 26 edifici in cemento “corretto” con il 50% di ceneri vulcaniche, rispetto a quella necessaria per realizzare le stesse strutture ma con il cemento Portland tradizionale.

Ma, avvertono gli  ingegneri, è necessario calcolare la giusta percentuale da aggiungere alla miscela. Il processo di macinazione della cenere vulcanica, infatti, richiede energia, che a sua volta aumenta l’energia incorporata della struttura risultante. Deve esistere, quindi, un compromesso tra la forza di una struttura in cemento e l’energia spesa. Il rapporto varia in base all’utilizzo finale. “Puoi personalizzarlo”, spiega Oral Buyukozturk, professore nel Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (CEE) del MIT. “Se è per un blocco del traffico, ad esempio, potresti non aver bisogno di tutta la forza necessaria invece per realizzare un grattacielo. Quindi potresti produrre il blocco con molta meno energia”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *