• Articolo Londra, 22 gennaio 2016
  • Finestre intelligenti: la biomimesi le rende gioielli hi-tech

  • Autopulenti, a risparmio energetico e antiriflesso: sono le nuove smart window ispirate agli occhi delle falene e alle foglie di loto

Finestre intelligenti: la biomimesi le rende gioielli hi-tech

 

(Rinnovabili.it) – Ispirarsi ai “trucchi” di Madre Natura per rendere la tecnologia ancora più performante. E’ questo il concetto al cuore della biomimesi, scienza che replica strategie vincenti di flora e fauna nei prodotti umani. A fare capolino nelle strategie biomimetiche sono stavolta le smart window, le finestre intelligenti di ultima generazione capaci di abbassare la bolletta e migliorare nel contempo il comfort abitativo.

A guidare “l’incursione” è stato un gruppo di ricercatori University College di Londra: grazie ad una progettazione bioispirata gli scienziati sono riusciti a creare un finestra autopulente, antiriflesso e ad alto risparmio energetico. Il segreto? Aver mixato nanotecnologia e rivestimenti termocromici, in cui variano le caratteristiche ottiche in funzione all’esposizione ai raggi ultravioletti. “Questa è la prima volta che una nanostruttura è stata combinata con un rivestimento termocromico. La nanostruttura bio-ispirata amplifica la risposta ai raggi solari del rivestimento e il risultato netto è una finestra intelligente auto pulente ed altamente performante”, spiega il dottor Ioannis Papakonstantinou, uno degli autori del lavoro.

 

Le caratteristiche delle nuove finestre intelligenti dell’University College di Londra

Autopulenti: la superficie del vetro ripropone quello che in biomimesi viene chiamato “effetto loto”. Il Loto Asiatico è una pianta che vive in acque stagnanti ma le cui foglie riescono a mantenersi sempre pulite grazie alla minuscola struttura della loro superficie. Struttura che le rende praticamente idrofobe.

Attraverso l’incisione gli scienziati hanno riprodotto sulla superficie dei nanoconi che intrappolano l’aria e svolgono un effetto simile: quando  la pioggia colpisce la finestra, l’acqua  forma delle goccioline sferiche che rotolano facilmente sulla superficie, raccogliendo lo sporco, polvere e altri contaminanti e portandoli via.

 

Finestre intelligenti: la biomimesi le rende gioielli hi-tech

 

Antiriflesso: Il design delle nanostrutture dà inoltre alle finestre le stesse proprietà antiriflesso presenti negli occhi delle falene e altre creature che si sono evolute per nascondersi dai predatori. Nella cornea di questi lepidotteri, infatti  è  presente una trama di piccolissime unità simili a birilli, ciascuna delle quali ha una lunghezza d’onda inferiore a quella della luce. Quando quest’ultima colpisce la superficie viene assorbita quasi completamente. Applicando questo principio alle finestre intelligenti, i ricercatori sono riusciti a ridurre la quantità di luce riflessa internamente in una stanza a meno del 5 per cento, aumentando il confort visivo.

 

A risparmio energetico: Il vetro è rivestita con uno strato molto sottile (5-10 nanometri) di biossido di vanadio che nei periodi freddi ferma radiazione termica in uscita e quindi previene la perdita di calore; nei periodi caldi invece impedisce la radiazione infrarossa proveniente dal sole entrare nell’edificio: assorbendo e riflettendo i raggi luminosi, le finestre intelligenti riducono la temperatura interna fino al 50%.

Secondo il team le loro finestre intelligenti potrebbero raggiungere il mercato entro 3-5 anni, a seconda successo nel garantire un’interesse industriale.

Un Commento

  1. gaetano
    Posted gennaio 23, 2016 at 7:42 pm

    Grandi studi, grandi innovazioni , fortunati saranno i figli dei nostri nipoti – sperando – anche per tutta la natura,
    grazie a tutti gli studiosi e a Rinnovabile che ci ripropone sempre cose nuove per un mondo migliore e meno inquinato

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *