• Articolo Lima, 24 novembre 2015
  • Plantalámpara, la lampada led a base di piante e batteri

  • Realizzata una lampada ecologica che funziona solo grazie a una pianta, del terreno e alcuni batteri. I primi 10 prototipi saranno distribuiti alle comunità off grid della foresta pluviale

Plantalámpara, la lampada led alimentata da piante e batteri

 

(Rinnovabili.it) – Catturare l’energia prodotta dalle piante e trasformarla in una fonte pulita di illuminazione. Succede in Perù dove un team di ricercatori della Universidad de Ingeniería y Tecnología (UTEC) ha sviluppato una tecnica per fornire luce “vegetale”. Per riuscire nell’impresa lo scienziato Robby Berman e il suo team hanno ingaggiato dei geobatteri, microorganismi che vivono nel terreno. Sono loro infatti “quelli che fanno il lavoro sporco”, commenta Berman. “I nutrienti rilascianti dalle piante nel terreno – spiega il ricercatore – incontrano i microorganismi che” come fisiologia vuole “rilasciano elettroni”.

 

Si è scoperto infatti che questo particolare tipo di batterio possiede dei minuscoli filamenti in grado di condurre l’elettricità a partire dagli elettroni creati durante il metabolismo dei nutrienti. Per raccogliere questa elettricità basta inserire degli elettrodi nel terreno, e il gioco è fatto. Ovviamente non bisogna aspettarsi delle prestazioni da record: la Plantalámpara creata dagli scienziati è in grado di assicurare solo due ore di luce al giorno.

 

UTEC ha collaborato con agenzia pubblicitaria FCB per produrre 10 prototipi e distribuirli nel villaggio dei Nuevo Saposoa, comunità di nativi della foresta pluviale che non possiede l’accesso alla luce elettrica. Ogni Plantalampara contiene una griglia di elettrodi sepolta nella terra, in cui cresce una singola pianta. La rete si collega ad una batteria che alimenta una luce LED, collegata a sua volta ad un braccio regolabile sulla parte esterna della scatola.

 

“In alcuni villaggi della foresta pluviale in Perù, la rete elettrica è presente, ma dal momento che un diluvio lo scorso marzo ha danneggiato i suoi cavi, non è più funzionante. E il quarantadue per cento delle comunità nella zona non ha affatto accesso alla rete. Il tramonto significa buio completo, un vero problema per le famiglie con bambini piccoli o per gli studenti”. Se le “lampade vegetali” dovessero avere successo, il lavoro dell’UTAC non si limiterà alle comunità della foresta ma punterà ad applicazioni su scala più ampia.

 

infografia_utec_plantalampara_plantas_que_dan_luz_a_nuevo_saposoa_

5 Commenti

  1. Carla
    Posted novembre 26, 2015 at 6:29 am

    Come di consueto, ci accorgiamo che la natura, comprensiva di piante e animali, ci offre molteplici spunti per migliorare la nostra quotidianita’. Ma forse ci manca ancora molto per liberarci dall’alienazione degli interessi personali e della virtualita’ della vita per cogliere pienamente tutti i vantaggi che potremmo avere da una quotidianita’ veramente sostenibile e integrata col ciclo naturale delle cose.

  2. Luigi
    Posted dicembre 24, 2015 at 10:02 pm

    Vi sono svariati altri modi per contribuire,e questo è un altro : http://gravitylight.org/coming-soon-gl02/

  3. tarek
    Posted gennaio 18, 2016 at 3:39 am

    ma se una piantina accende un lampadina una foresta puo alimentare una citta

  4. tarek
    Posted gennaio 18, 2016 at 3:43 am

    ma se una pianta alimenta una lampadina una foresta può alimentare un città…tessla la sempre detto che a una certa profondità nel suolo e a una certa altezza ne cielo ce un flusso di energia pura creata dalla terra che noi possiamo usare

  5. tarek
    Posted gennaio 18, 2016 at 3:45 am

    tessla la sempre detto che a una certa profondità nel suolo e a una certa altezza ne cielo ce un flusso di energia pura creata dalla terra che noi possiamo usare

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *