• Articolo Bruxelles, 30 ottobre 2018
  • Innovazione, dal laboratorio al mercato: 12,2mln alle PMI europee

  • Bruxelles tende una mano agli innovatori. Ventotto le piccole e medie imprese italiane che riceveranno i finanziamenti UE

pme europee

 

Selezionate 246 PMI europee e provenienti da Paesi con accesso a Horizon 2020

(Rinnovabili.it) – C’è la fattoria che impiega l’I.A. per gestire irrigazione e fertilizzanti, i pannelli fonoassorbenti prodotti da risorse rinnovabili, un sistema di iniezione d’acqua per ridurre le emissioni di ossido di azoto dai veicoli commerciali e persino una tecnologia che dissolve i rifiuti di legno per estrarre cellulosa pura. È lunga la lista di innovazioni supportate dall’Unione Europea affinché lascino i laboratori dove sono state create e raggiungano il mercato. Ognuna di loro fa riferimento a una delle 246 piccole e medie imprese PMI europee che riceveranno i finanziamenti comunitari. Bruxelles le ha selezionate attraverso uno strumento ad hoc nato per individuare idee innovative capaci di creare mercati completamente nuovi o di rivoluzionare quelli esistenti. Si spazia dall’intelligenza artificiale alla medicina, passando per agricoltura, ITC, cybersicurezza, mobilità ed energia: campi diversi in cui è richiesto però uno sguardo anticipatore e concreto al tempo stesso.

Tutti i progetti selezionati, infatti, sono accumunati dall’essere già attività vicine al mercato. Grazie al progetto pilota del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC), queste realtà potranno avere dall’UE sia una spinta economica che un servizio di coaching aziendale gratuito.

 

>>Leggi anche Innovazione agroalimentare, quella italiana è in mano a 98 startup<<

 

Nell’ultima lista elaborata rientrano 246 PMI europee o localizzate in un paese associato al programma di finanziamento Horizon 2020, selezionate su 2111 proposte; a loro toccherà spartirsi un importo totale di 12,2 milioni di euro. “Le aziende saranno supportate nella cosiddetta fase 1 dello strumento PMI, il che significa che ogni progetto  riceverà 50.000 euro per elaborare un piano aziendale”, spiega Bruxelles in una nota stampa. La maggior parte delle società selezionate per il finanziamento sono nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ITC), della salute e dell’ingegneria. La maggior parte ha sede in Spagna (33), Italia (28) e Svizzera (23). Lo strumento prevede anche di poter individuare realtà per la fase 2 del supporto: in questo caso ciascun progetto riceverebbe da 0,5 a 2,5 milioni di euro per finanziare attività di innovazione come dimostrazione, collaudo, pilotaggio e ampliamento.

 

La lista completa dei progetti è consultabile qui.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *