• Articolo Roma, 1 novembre 2015
  • Per ridurre l'impronta di carbonio anche l'armadio deve essere eco-compatibile

    10 consigli per un guardaroba green

  • Un decalogo di consigli per mettere sù un guardaroba green originale ed economico che rispetti l’ambiente, i lavoratori e gli animali

10 consigli per un guardaroba green

 

(Rinnovabili.it) – La sostenibilità entra anche nell’armadio! Riusa, riduci e ricicla sono i tre imperativi dell’abbigliamento ecocompatibile. Mettendo in pratica questo decalogo possiamo abbassare notevolmente la nostra impronta di carbonio e mettere sù un guardaroba green rispettoso dell’ambiente, originale ed economico.

 

10 consigli per un guardaroba green originale e low-budget:

 

1 – Controlla l’etichetta. Solo lei ti saprà dire veramente da quanto lontano viene il capo che stai per comprare, quanti materiali “plastici” contiene e quanti animali sono stati sfruttati per realizzarlo. Cerca di scegliere fibre naturali e vegetali, che non richiedano lavaggio a secco e che possano fare a meno del ferro da stiro.

 

2 – Autoproduci. Girovagando nel web si trovano moltissime idee per autoprodurre il tuo guardaroba green. Avevi fatto caso che la tappezzeria da sostituire del divano “retrò” ereditato dalla nonna potrebbe diventare una borsa all’ultima moda?

 

3 – Frequenta i mercatini dell’usato. Comprare di seconda mano oltre ad essere divertente ti aiuterà a comporre un guardaroba green originalissimo. Dare una seconda vita agli abiti che qualcuno non usa più  è un gesto d’amore per l’ambiente.

 

4 – Lava con parsimonia. Per quanto molti di voi possano non essere d’accordo, il CEO della Levi’s Chip Bergh, ha consigliato ai suoi clienti di lavare raramente i jeans, solo così diventano belli ed autentici. Oltre all’aspetto estetico questa scelta si traduce in risparmio idrico ed energetico, che influisce sui consumi familiari e sulle emissioni in atmosfera.

 

10 consigli per un guardaroba green

 

5 – Preferisci i negozi di quartiere. Mentre i centri commerciali sono il regno delle multinazionali, che producono gli abiti in paesi dall’altro lato del mondo, nei piccoli negozi di quartiere si trovano ancora indumenti di buona qualità “a km 0”. Inoltre mentre per raggiungere i grandi magazzini serve inevitabilmente la macchina, fare shopping a piedi per le vie cittadine fa bene all’ambiente ed al fisico.

 

6 – Scegli linee conscious. Alcune grandi marche propongono una linea consciuos, prodotta con materiali naturali biologici e che rispetta le comunità locali mentre investe in progetti di sviluppo. Come possono mancare questi abiti nel vostro guardaroba green?

 

7 – Evita il lavaggio a secco. Questa tecnica è di gran lunga la più impattante, per questo in molti uffici all’estero in cui è richiesto l’abbigliamento formale si istituisce un giorno “casual” in cui la comodità è associata al rispetto per la natura.

 

8 – Compra poliestere riciclato. Moltissimi brand che producono capi in poliestere oggi come materia prima utilizzano vecchie bottiglie in PET. Zaini, borse, pile e giacche a vento sostenibili mostrano quanta plastica hanno trasformato in tessuto, dando una seconda vita agli scarti.

 

9 – Approfitta dei programmi di riciclo. Molti franchising offrono sconti a chi porta loro sacchetti di abiti usati. Invece di gettare indumenti rotti o fuori moda nella spazzatura puoi fare del bene ad ambiente e portafogli prendendo parte a questi programmi di riciclo.

 

10 – Risparmia gli animali. Oggi esistono tante alternative cruelty-free alle imbottiture in piuma d’oca, alle pellicce ed alla pelle. Un vero guardaroba green fa a meno della sofferenza degli animali e preferisce abiti naturali e prodotti nel rispetto di persone, ambiente e natura.

 

10 consigli per un guardaroba green

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *