• Articolo Roma, 26 agosto 2015
  • Dal riuso delle ferrovie abbandonate all’infortunio in itinere

    Le 5 proposte in Parlamento che riguardano la bicicletta

  • Le commissioni di Camera e Senato sono al lavoro su 5 proposte di legge sul tema della bicicletta. Ecco cosa cambia, salvo future modifiche

Le 5 proposte in Parlamento che riguardano la bicicletta 2

 

(Rinnovabili.it) – In Parlamento sono 5 le proposte di legge che riguardano il tema della bicicletta e hanno avviato il loro iter legislativo, cercando di incentivarne l’uso e di tutelare maggiormente i ciclisti. Novità auspicate, dato che l’Italia non brilla per attenzione nei confronti della categoria. Due di queste si trovano alla Camera: il pacchetto per il riuso delle ferrovie abbandonate (al momento in commissione Ambiente) e la proposta che aggiorna la legge n.366 del 1998 sulla mobilità ciclistica (in commissione Trasporti). Vi sono poi altre proposte, non legate al mondo delle due ruote, che però contengono avrebbero su di esso delle ricadute: la proposta di legge di modifica puntuale del codice della strada (in commissione Trasporti della Camera), il ddl delega di riforma complessiva del codice della strada (in commissione Lavori pubblici del Senato), il ddl collegato ambientale (in commissione Ambiente del Senato).

 

Le 5 proposte in Parlamento che riguardano la bicicletta 1

 

1. Riuso delle ferrovie

Si tratta di 4 proposte di legge (3 del Pd e 1 del M5s) che propongono il riutilizzo delle vecchie ferrovie abbandonate per la creazione di una rete cicloturistica nazionale. Tutte le proposte istituiscono poi un “Osservatorio sulla mobilità dolce” che dovrà realizzare topograficamente la rete nazionale e tracciare delle linee guida di mobilità dolce, coordinare, promuovere e vigilare sul sistema del cicloturismo. Per ora le quattro proposte stanziano da un minimo di 6 milioni in tre anni ad un massimo di 15 milioni in tre anni.

 

2. Aggiornamento della legge n. 366 del ’98

Prevede, fra l’altro, la redazione di un piano nazionale della mobilità ciclistica che faccia parte del piano nazionale dei trasporti. Il dipartimento della mobilità ciclistica (da istituire all’interno del ministero dei Trasporti) si occuperà di disegnare questa rete di piste ciclabili e coordinare il piano. Previsto anche il rifinanziamento del Fondo nazionale per la mobilità ciclistica con stanziamenti aggiuntivi non inferiori al 2% degli stanziamenti complessivi previsti per infrastrutture viarie e ferroviarie, oltre che con risorse provenienti da programmi regionali finanziati da fondi Ue.

 

Le 5 proposte in Parlamento che riguardano la bicicletta 3

 

3. Riforme del codice della strada

Nelle strade o nelle zone all’interno dei centri abitati nelle quali il limite massimo di velocità è uguale o inferiore a 30 km/h, può essere consentita, se espressamente prevista con ordinanza, la circolazione dei ciclisti anche in senso opposto a quello di marcia di tutti gli altri veicoli. Una norma altamente controversa, prima stralciata poi reinserita nella riforma puntuale del codice della strada.

Nel ddl di riforma complessiva, riguarda le due ruote una norma che dà l’ok «al posteggio delle biciclette in aree riservate ai pedoni ove questa misura non rechi intralcio o pericolo».

 

4. Collegato ambientale

È in cantiere un programma sulla mobilità sostenibile casa-scuola-lavoro da finanziare con 35 milioni, che prevede, ad esempio, l’incentivazione di progetti di car pooling, bike sharing e bike pooling.

Un emendamento del deputato Stefano Vaccari introduce il risarcimento dell’Inail per chi si infortuna andando al lavoro in bicicletta.

Ogni scuola, suggerisce un’altra norma, dovrebbe favorire, compatibilmente con le sue possibilità, la creazione della figura del mobility manager scolastico.

Una terza proposta prevede lo stanziamento di 5 milioni per riqualificare la pista ciclabile Bologna-Verona            , per favorire il cicloturismo verso le città d’arte della Pianura Padana.

4 Commenti

  1. enrico
    Posted agosto 26, 2015 at 11:05 am

    Speriamo che tutte le proposte a favore di una mobilità diversa siano recepite presto, non si può essere così arretrati anche culturalmente sull’uso delle biciclette.

  2. angelo romani
    Posted agosto 27, 2015 at 9:38 pm

    Buona sera, sento spesso parlare della sicurezza dei ciclisti, ma debbo dire che nessuno mai dice : per prima cosa sulle strade pubbliche va rispettato il codice della strada Perché è la prima cosa che salva la vita al ciclista e questo non lo dice mai nessuno al (ai ) ciclisti che molte volte irresponsabilmente si mettono nei guai da soli. Anche io sono un ciclista e siccome so di essere la parte debole di un ev. incidente, uso prudenza e rispetto dell’altra parte degli utenti della strada.
    Altra cosa che ritengo sia di vitale importanza per un ciclista è il fatto di avere i piedi bloccati sui pedali cosicché anche la minima caduta imprevista (anche da fermo) genera sempre un trauma cranico perché se i piedi non poggiano per terra in tempo è la testa che batte per terra.QUINDI, secondo me devono essere VIETATI IL BLOCCAGGIO DEI PIEDI SUI PEDALI di qualsiasi ciclista che transita in bici su STRADE PUBBLICHE all’infuori di gare regolarmente autorizzate; cosiccome deve essere fatto rispettare il divieto di circolare in gruppi fregandosene di tutti gli altri utenti della strada .(ricoridamoci però che gli altri sono di ferro e non di carne come noi). GRAZIE DELL’ATTENZIONE UN SALUTO ANGELO ROMANI

    • redattore
      Posted agosto 28, 2015 at 12:19 pm

      Grazie a lei, caro Angelo, per l’interessante commento. Pone delle questioni che andrebbero effettivamente discusse.

  3. Gilberto Majeron
    Posted settembre 10, 2015 at 12:44 am

    Si dovrebbe rendere obbligatorio l’uso della paletta posteriore laterale a sinistra. Vi posso garantire che in presenza della paletta gli automobilisti sorpassano spostandosi il più possibile senza rasentarvi come molti fanno creando panico nel ciclista.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *