• Articolo Bruxelles, 7 maggio 2013
  • Da un rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente

    Europa: aumentano le vendite di auto più efficienti

  • I dati diffusi dall’EEA testimoniano che le emissioni del nuovo parco auto europeo sono diminuite del 2,6% nel 2012. Crescono del 9% le vendite di veicoli più efficienti, con l’Italia in prima fila nell’acquisto di auto a carburante alternativo

Europa: aumentano le vendite di auto più efficienti(Rinnovabili.it) – Per il terzo anno consecutivo l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) ha raccolto ed elaborato in un rapporto i dati degli Stati Membri relativi alle nuove immatricolazioni di autoveicoli riferite al 2012. Lo studio “Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle nuove autovetture nell’Unione Europea” mostra come tra il 2011 e il 2012 le emissioni del nuovo parco auto europeo siano diminuite del 2,6 per cento. Rispetto ai dati registrati negli ultimi tre anni, inoltre, le auto vendute in Europa nel 2012 sono state in media del 9% più efficienti.

Un aumento significativo della quota delle vetture diesel (che rappresenta il 55 per cento del parco veicoli di nuova immatricolazione) e il miglioramento della tecnologia sono alcune delle cause principali della diminuzione delle emissioni inquinanti. Non solo, le immatricolazioni degli autoveicoli hanno subito un calo generale all’interno dell’Unione europea, con punte del -41% in Grecia e -38% in Portogallo solo nel 2012.

 

Leader europeo per l’acquisto di veicoli a carburante alternativo (AFV) – che comprende auto elettriche, ibride ed automobili che utilizzano gpl ed etanolo – è l’Italia, dove il 13 per cento dei veicoli immatricolati nel 2012 è a bassa emissione di CO2. Negli ultimi tre anni, inoltre, le vendite a livello europeo di auto esclusivamente elettriche hanno subito un notevole incremento, passando da circa 700 nel 2010 a 14.000 nel 2012; i dati di vendita maggiori sono stati registrati in Francia (più di 5.500 veicoli nel 2012) e in Germania (quasi 3.000 veicoli). A rappresentare il fanalino di coda, invece, Ungheria e Belgio, gli unici due Stati membri dove le auto vendute nel 2012 sono state in media meno efficienti di quelle vendute l’anno precedente.