• Articolo New York, 22 maggio 2018
  • La crescita degli autobus elettrici supererà quella delle e-car

  • Bloomberg New Energy Finance pubblica le ultime previsioni a lungo termine sulla mobilità elettrica e incorona gli e-bus come il segmento più vivace

autobus elettrici

 

Gli autobus elettrici saranno più economici di quelli tradizioni dal 2019

(Rinnovabili.it) – Gli autobus elettrici daranno una poderosa spinta al rinnovo dei sistemi di trasporto. Il segmento degli e-bus è destinato a crescere rapidamente nel futuro, superando per velocità anche quello delle auto elettriche. A riferirlo è l’ultimo report in materia di mobilità elaborato dagli esperti di Bloomberg New Energy Finance (BNEF). Il documento, Global Vehicle Outlook (EVO), valuta l’impatto che l’elettrificazione avrà sui mercati dell’auto e dell’energia, nonché sullo spostamento dei combustibili fossili e sulla domanda di materiali chiave. E manda un messaggio chiaro: la mobilità sta cambiando rapidamente.

Le prime auto elettriche messe su strada sono state accolte alla stregua di ingombranti giocattoli. Oggi questi veicoli hanno messo radici in tutto il mercato tradizionale e quest’anno dovrebbero superare l’1,6 milioni di vendite a livello mondiale. Secondo BNEF entro il 2025 questo numero toccherà gli 11 milioni, per poi salire a 30 milioni nel 2030, anno in cui la competizione economica con i mezzi a combustione interna sarà ormai vinta, e concludere il 2040 con ben 60 milioni di veicoli leggeri elettrici in circolazione. Ossia più della meta del previsto mercato mondiale.

 

>>Leggi anche Auto elettriche: quanto incideranno sui consumi energetici dell’Italia?<<

 

Inutile dire che a guidare questa transizione tecnologica e commerciale sarà la Cina che già oggi veste i panni del produttore più importante al mondo. In questo contesto, l’avanzamento degli autobus elettrici sarà ancora più rapido rispetto a quello delle quattro ruote. L’analisi di BNEF mostra come i bus a zero emissioni, in quasi tutte le configurazioni di ricarica, supereranno per convenienza quelli tradizionali già nel 2019. Attualmente ci sono già oltre 300.000 e-bus sulle strade cinesi e i modelli elettrici sono sulla buona strada per dominare il mercato globale dalla fine del 2020.

 

Come evolverà il mercato della mobilità elettrica mondiale?

Vi sono diversi fattori che guidano il mercato della mobilità elettrica a partire dai prezzi delle batterie agli ioni di litio, che sono crollati negli ultimi anni: si è passati da 1.000 dollari il kWh del 2010 ai 209$/kWh del 2017. Anche la densità energetica media delle batterie sta migliorando progressivamente, a un tasso del 5-7% l’anno.

Il supporto politico sta facendo molto per il comparto delle auto e degli autobus elettrici, attraverso sistemi incentivanti, messa al bando delle auto tradizionali (soprattutto in Europa) e quote obbligatorie di EV da aggiungere al mercato (vedi la Cina). Anche l’industria automobilistica sta facendo la sua parte: tutti i big del settore hanno presentato un piano per l’ecologizzazione della flotta annunciando investimenti miliardari nel segmento ibrido ed elettrico.

 

Secondo Colin McKerracher, analista di BNEF: “Gli sviluppi degli ultimi 12 mesi, come i piani dell’automotive e le nuove normative sull’inquinamento urbano, hanno rafforzato la nostra visione rialzista delle prospettive per i veicoli elettrici. Ora riteniamo che gli EV rappresenteranno il 55% delle vendite di veicoli leggeri nel 2040, anziché il 54%, coprendo il 33% della flotta totale di auto in tutto il mondo […] Ma la grande novità di questo Outlook sono gli autobus elettrici. La Cina ha guidato questo mercato con uno stile spettacolare, rappresentando nel 2017 il 99% del totale mondiale. Il resto del mondo la seguirà, ed entro il 2040 ci aspettiamo che l’80% della flotta mondiale di bus municipali sia elettrica”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *